Mercatini etnici sul Lungomare, Cammarota: “Respingere pressioni dei senegalesi”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
11
Stampa
“Bene ha fatto l’Assessore Loffredo a respingere le pressioni della comunità senegalese sull’allocazione dei Mercatini Etnici e ad affermare che le aree concesse sono adeguate e di qualità”. Lo affermano in una nota l’avvocato Antonio Cammarota, presidente della Commissione Trasparenza, e Francesco Vota, dirigente dell’associazione La Nostra Libertà, per il quale “lo spazio fornito va arricchito con iniziative che garantiscano la fruibilità ma anche il controllo di prodotti contraffatti e, soprattutto, la sicurezza”.

“Non è accettabile, dunque, come ha detto Loffredo, la richiesta dei senegalesi dell’intero lungomare, che invece va ripulito una volta e per tutte dagli abusivi e dalla merce illegale con una forte e coordinata azione di polizia”, continuano Cammarota e Vota, che denunciano “il problema sicurezza nella città di Salerno anche per il braccio debole dell’amministrazione che ha voluto il braccio di ferro con la sua Polizia Municipale con i guasti che sono sotto gli occhi di tutti”.

“Il Lungomare va restituito ai salernitani e attrezzato per l’offerta turistica”, conclude Vota, che ricorda la proposta in campagna elettorale di “un boulevard, che copra la zona d’acqua da Embarcadero a Piazza della Concordia come per Santa Teresa, con chioschi, ristoranti, servizi, concessi con la clausola sociale del lavoro ai nostri giovani”.

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

11 COMMENTI

  1. le chiacchiere sono molto belle peccato che i fatti non corrispondano !!!!
    Aggiungo il lungomare di SALERNO cosi bello ma rovinato dall’ illegalità e dalle mazzette!!!!

  2. Lo sanno i senegalesi che per avere un’attività al centro costa molto tra affitti e gabelle comunali? Sembra che a loro sia tutto dovuto,mentre per i salernitani che fanno attività regolari ci sono solo vessazioni e mancanza di sicurezza da parte delle istituzioni.

  3. si vada dai venditori ambulanti Senegalesi, indiani, bengalesi e italiani(la minoranza) e si dica o ve ne andate in un posto a noi gradito o inizio a fare multe di 500 euro a chi compra da voi( si evita lo scontro e si educano gli italiani a non compare merce contraffatta o senza scontrino fiscale).
    Dopo 2/3 multe e un po’ di pubblicità sui giornali, questi prepotenti non venderanno più niente e sloggeranno da soli.

  4. Se bisogna multare anche gli acquirenti, per analogia bisogna punire anche i drogati e non solo gli spacciatori.

  5. Io non è ho tempo de perdere con dei ignorante chi non capiscano niente fingue gli italiani vanno fuori noi vegniamo quoi si impedite gli italiani di andare paesi dei alteri noi non vegniami piu quoi voi rimanete quoi ascoltare gli politici chi rubano vostri soldi è per nascondere lo vi parlano sempre dei picole problemi dei immigrati chi non representano nianche 1/100 dei vostri problemi

  6. Anonimo delle 23:58, ammesso che non sei un troll ma davvero un immigrato:

    La differenza sai quale e’? gli Italiani che vanno all’estero ci vanno rispettando le leggi del paese ospite, vanno a lavorare regolarmente e a pagare le tasse, “voi” arrivate illegalmente, non invitati e non benvenuti, ve ne fregate delle regole, portate solo miseria e degrado.

  7. 100 uomini delle forze dell’ordine in tenuta antisommossa sequestro delle merci e dei mezzi con cui arrivano strapieni di merce contraffatta tramite un servizio di controllo di guardie in borghese ( tutti sanno che parcheggiano nelle traverse di fronte al lungomare o a piazza della concordia ). O scusate stavo sognando!!!

  8. Pretendono tutto,vogliono vendere abusivamente articoli falsi dove più li aggrada,vendono droga sul lungomare,sporcano dappertutto come se non bastassero gli incivili nostrani.Basta basta e basta.Se non vi stà bene tornatevene ai vostri paesi,possiamo farne a meno tranquillamente.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.