Vegani: presidi a Salerno contro il massacro pasquale degli agnelli

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
“Questa Pasqua non fare assassinare nessuno. E non fermarti a Pasqua”: questo l’appello degli attivisti di Veg in Campania che la mattina del 9 aprile, in occasione delle messe celebrate per la Domenica delle Palme, ‘armati’ di materiale informativo, saranno protagonisti a Salerno con presidi di sensibilizzazione contro il massacro pasquale degli agnelli e per la promozione del veganismo davanti a diverse chiese del centro cittadino.

Sono circa 4 milioni gli agnelli uccisi ogni anno in Italia, tra quelli esportati dall’Est Europa e quelli allevati sul territorio nazionale, e di questi circa 800.000 sono uccisi solo in questo periodo. Il consumo di carne ovina non è particolarmente elevato in Italia durante il corso dell’anno e così succede che, l’improvviso aumento del carico di lavoro nei macelli, renda le procedure molto confuse e spesso capita che si salti la fase dello stordimento preventivo all’uccisione obbligatorio per legge.

Separati dalla madre a soli 22 giorni di vita, stipati in camion in condizioni terribili, gli agnelli affronteranno lunghi viaggi della morte per arrivare ai macelli dove, terrorizzati dall’odore del sangue e dalle urla dei compagni, verranno immobilizzati e legati insieme, «a mazzi», per le zampe anteriori e appesi per essere pesati. Dopodiché, storditi con una scarica di corrente elettrica, mentre alcuni di loro ancora si agitano coscienti, saranno sgozzati. La morte arriverà per dissanguamento. Dobbiamo immaginare una folla di bambini, al di sotto dei due anni, che disperatamente cercano la mamma e piangono senza conforto.

È la stessa Associazione Cattolici Vegetariani a sottolineare nel proprio sito che “l’unico Agnello di Dio di cui dobbiamo cibarci a Pasqua è l’eucaristia. La tradizione dell’agnello non ha nessuna argomentazione teologica sostenibile, innanzitutto perché la religione cristiana non è fondata sui sacrifici animali che sono non solo inutili (dalla Lettera ai Romani) ma addirittura crudeli e sicuramente lontani dall’idea di amore e compassione verso ogni essere vivente”.

L’invito da parte degli attivisti ad una riflessione su quanto accade a questi giovanissimi animali è rivolto a tutti, ma in particolare a chi, da cristiano, ritiene di festeggiare una Pasqua di pace e misericordia e si ritrova, ignaro o indifferente, a consumare un piatto che racchiude violenza e privazione del dono essenziale della vita. L’obiettivo è quello di mobilitare l’opinione pubblica e spingere sempre più persone a scegliere di non mangiare prodotti di origine animale perché, ribadiscono gli attivisti di Veg in Campania, “festeggiare con un menù senza crudeltà significa salvare la vita a tanti animali: il miglior modo per celebrare il rito della Pasqua”.

Sabato 8 aprile, invece, continuerà in piazza monsignor Bolognini la raccolta firme a sostegno della lettera aperta indirizzata al Procuratore Capo ed al Presidente del Tribunale di Salerno, per chiedere il giusto risalto al processo e la calendarizzazione per una definizione celere, affinché al responsabile della morte di Chicca, cagnolina uccisa a calci lo scorso 15 febbraio nel quartiere Pastena, venga applicato il massimo della pena prevista, ovvero la reclusione fino a due anni. Purtroppo la legislazione italiana, finora, ha quasi sempre risposto con pene a dir poco esigue: i volontari chiedono una proposta di legge per l’inasprimento delle pene per i reati a danno degli animali, che l’arresto sia una certezza, che non possa essere commutato in pena pecuniaria e che vengano attivati percorsi rieducativi per chi commette queste violenze.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.