Due morti sulla nave dei migranti, in 100 resteranno a Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
12
Stampa
A causa del mare agitato per le avverse condizioni meteo è slittato di un’ora l’arrivo al molo Manfredi della nave Gregoretti della Guardia Costiera che trasporta 400 migranti. Poco dopo le 10.30 lo sbarco

A bordo anche le salme di due donne i cui corpi sono stati recuperati in mare. Mentre il mondo dell’associazionismo e del volontariato è pronto ad aiutare chi arriva, il nodo centrare resta la loro collocazione nelle prossime settimane, mesi. I livelli di guardia sono elevati già da ieri, quando si è diffusa la notizia dello sbarco di oggi. Si temono proteste, come già accadde, ad esempio, a Vibonati a fine anno.

NEL DETTAGLIO

Non vi sono emergenze sanitarie ma, rispetto alle scorse volte, sono stati registrati molti casi di ustionati. Diverse anche le donne incinte che verranno sottoposte a controlli all’ospedale Ruggi di Salerno, cosi come tutte le persone che ne avranno necessità. Cento migranti rimarranno in Campania (tra questi i minori e le gestanti), altrettanti in Lombardia ed Emilia Romagna, 50 nel Lazio (escluso Rieti) e 50 in Veneto. Nell’ambito delle indagini su scafisti, gli uomini della squadra mobile della Polizia di Stato stanno sentendo due persone.  È stato anche sequestrato un cellulare ad un cittadino presumibilmente libico.

FOTO

VIDEO

INTERVISTA AD ANSELMO BOTTE

Dei 400 migranti, 100 resteranno in Campania, 100 in Emilia Romagna, 100 in Lombardia, 50 in Veneto e 50 nel Lazio, esclusa la provincia di Rieti. Non sono state segnalate particolari emergenze sanitarie a bordo, così come sembra essere stata esclusa la presenza di minori non accompagnati.

Il Prefetto di Salerno come prima cosa ha inteso ricordare che “anche oggi abbiamo due vittime sulla nave. Non dobbiamo dimenticarlo. È sempre una tragedia. Ancora una volta abbiamo dimostrato, come città, la nostra straordinaria capacità di accogliere queste persone. Deve essere il momento della solidarietà tra italiani e non. Queste persone le dobbiamo distribuire sui nostri territori e non deve esserci un carico eccessivo in alcune realtà rispetto ad altre, ma ci sia una equa distribuzione. Dunque, non solo sforzo di solidarietà verso i migranti, ma anche e soprattutto tra tutti noi. Bisogna capire la posizione dei sindaci che rappresentano un territorio e i propri cittadini. Non è tanto una posizione personale ma una dinamica che sul territorio è presente. Però, noi che viviamo questi ruoli di responsabilità dobbiamo gestire anche le cose complicate. Io confido molto nel senso di responsabilità dei sindaci – aggiunge il prefetto – che capiranno che devono tutelare i loro concittadini ma anche gli altri. Siamo tutti italiani”.

INTERVISTA AL PREFETTO MALFI

INTERVISTA NICOLA CANTONE DIRETTORE GENERALE RUGGI

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

12 COMMENTI

  1. ma jatvenn mezzo milione di immigrati alla’ anno ma come si può pensare di sobbarcarsi una follia simile?? i nostri figli ci ringrazieranno!

  2. Una pazzia senza precedenti storici. Due cadaveri a bordo, situazioni da peggior medioevo e da tratta degli schiavi. E poi con queste autorità, monumenti di mediocrità che non sanno prendere posizioni, obbediscono passivamente ad ordini dall’alto e al tempo stesso tentano di tenersi buoni un po’ tutti, “il momento della solidarietà tra concittadini”, “capire le posizioni dei sindaci”, “siamo tutti italiani”. Non c’è altro da dire: è la fine materiale del nostro popolo.

  3. Con la scusa dell’accoglienza cristiana la malavita sta creando le condizioni per accrescere il suo potere. Non possiamo più accogliere è il momento di rimandare indietro tutti anche a costo di sacrifici umani, una volta che ne mandiamo indietro tanti e mostriamo fermezza dovranno trovare altre rotte da fare, se non li fermiamo in tempo L’Italia non esisterà più, questa è un’invasione, aprite gli occhi. Cominciamo a fare casino per questo non per le partite di calcio. Non ci sono più risorse per tutti, non possiamo pagare solo Noi per le guerre create da gente senza scrupoli.

  4. Complimenti per le italiche riflessioni…io faccio solo questa riflessione…se il tuo caro presidente Trump alleato caro dell’Italia (Più che alleato direi controllore) fa scoppiare una guerra che ci vedrà sicuramente coinvolti, tu non credi che se l’Italia tornasse ad essere scenario di guerra non ci sarebbero immigranti italiani? Non credi che altri paesi parlerebbero di “emergenza immigrati italiani?”. Smettetela di semplificare le cose con discorsetti sterili ed iniziate a guardare la realtà difficile se non impossibile da Salerno a Mogadiscio…Oggi a loro domani a noi…solidarietà sempre e comunque per chi per vittima!

  5. Caro saestero ma sei davvero convinto che scappano tutti dalla guerra?? e se pure fosse la soluzione mica sarebbe un esodo di massa, non sarebbe più logico risolvere i problemi a casa loro??? purtroppo il discorso dell’accoglienza non vale se poi sotto sotto sono gli stessi governi che “accolgono” a discapito della società a vendere armi smaltire rifiuti illecitamente e derubare il petrolio. Allora va bene l’accoglienza ma finiamola con questa ipocrisia!

  6. SAESTERO, Trump alleato dell’Italia che fa scoppiare una guerra?? ma pare evidente che sei stato a dormire negli ultimi 8 anni e pure nei precedenti: Obama il democratico ha ucciso più persone lui che pochi altri, con i droni.. lo sai?? E non solo, è stato esattamente LUI, con appoggio di Francia e Inghilterra, a creare queste situazioni nel mediterraneo e nell’area africana, che ti ricordo, è sotto il controllo francese da secoli.. I discorsetti sterili li fai TU e solo tu, anche da scarso conoscitore di storia e attualità.
    Solidarietà a chi è vittima va bene, ma quello che TU NON VUOI CAPIRE è che loro sono vittime dell’occidente e di voi buonisti ipocriti: da un lato parlate di accogliere, dall’altro lucrate su di loro a vari livelli. E per ultimo, il partito più filo americano in Italia è esattamente quello che allo stesso tempo predica l’accoglienza, QUESTA accoglienza .. lucrando ovviamente.. e guadagnano voti, degli immigrati e di quelli ipocriti che in questo modo pensano di lavarsi la coscienza.
    E vai a rileggerti anche i commenti sull’altro articolo, non posso riscrivere tutto qui.

  7. X saestero
    Le altre nazioni si controllano le frontiere, per garantire la sicurezza dei propi cittadini. Perché vengono tutti in Italia? In Italia possono fare quello che vogliono. Ho cambiato idea sull’accoglienza, prima mi dispiaceva ma adesso è un invasione. Vatti a fare un giro per le grandi città, negli autobus, nei treni, fatti un giro per la litoranea dopo le 20 poi mi fai sapere. Dobbiamo aspettare le notizie di cronaca per sapere che stiamo importando una marea di potenziali criminali? Non c’è lavoro per molti Italiani che in gran parte volenti o non volenti sono parassiti, a chi li spediamo non li vuole nessuno. Ci accogliamo qualche milione di profughi all’anno quando siamo in bancarotta? Se ci tenete tanto portateveli a casa vostra. Per quanto riguarda l’emigrazione italiana ti do ragione in 10 anni ce ne andremo perché sarà invivibile.

  8. In questo momento non possiamo permetterci di ospitare gente che non fugge da niente,abbiamo nostri connazionali senza casa,senza lavoro in condizioni di estrema indigenza e non vedo la stessa solidarietà nei loro confronti. Senza dimenticare i terremotati abbandonati a loro stessi.

  9. Io mi domando cosa di concreto invece state facendo voi aldilà degli sterili e allucinanti commenti da statisti della domenica.
    La vostra posizione è chiara ma oltre le parole c’è bisogno di atti concreti.

  10. BISOGNA CREARE IMMEDIATAMENTE NUOVI SUPERMERCATI, CHIESE, PANIFICI E FARMACIE PER FARLI MENDICARE A DOVERE, OGNI SUPERMARKET ORAMAI HA IL SUO NEGRO DI TURNO. A PASQUA, CHIEDEVANO L’ELEMOSINA ANCHE DAVANTI ALLE EDICOLE… EVVIVA…. COME SIAMO FELICI

  11. Ma la volontà dei cittadini non conta un bel nulla? Che si facesse un referendum vuoi che altri immigranti vengano accolti si o no?

  12. UnNonSalernitano, in altri tempi avremmo potuto votare, ma da molti anni ormai è cosa che di è preclusa, si cambiano governi a comando nato e del popolo sovrano chissenefrega. dovremmo manifestare e rompere tutto, marchiati di fascisti o delinquenti? già solo affermare di essere d’accordo con i partiti che sostengono queste nostre ideee si viene tacciati di razzisti, fascisti, intolleranti e balle varie..
    Si vede benissimo che i mezzi di informazione sono tutti filooccidentali, alla faccia di quelli che sbraitavano contro Berslusconi e il potere mediatico: OGGI DORMONO TUTTI. Per me è la prova che erano in parte in cattiva fede, in parte plagiati, in parte ignoranti consapevoli.

    Ma lei invece, lei cosa fa di concreto? o forse è d’accordo con tutto questo che sta avvenendo grazie ai politici venduti alle ong soros-dipendenti?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.