Inflitti 20 anni di carcere alla gang delle rapine ai supermercati e tabacchi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Assaltavano supermercati, pompe di benzina e rivendite di tabacchi: condannati a venti anni di carcere i responsabili.
La sentenza è arrivata nella tarda mattinata di ieri dai giudici della terza sezione penale del Tribunale di Salerno.
Nel dettaglio, sono stati inflitti 2 anni e 8 mesi ad Alessandro Pfeifer, nove anni ad Aniello Saviello il quale è stato anche condannato al pagamento dei danni cagionati alla parte civile quantificati in 3000 euro. A darne notizia il quotidiano Le Cronache oggi in edicola.
Per Saviello il Pubblico Ministero Katia Cardillo aveva chiesto 7 anni. Condannati alla pena di sei anni e sei mesi ciascuno Massimiliano Sabato Lorys Avossa. Entrambi sono stati anche interdetti in perpetuo dai pubblici uffici. Un anno e 10 mesi sono stati inflitti a Gennaro Garzia. Dichiarato il non doversi procedere per Annamaria Ruggiero. Assoluzione perchè il fatto non sussiste per Gianluca Vicinanza e Carmela Landi.
I fatti risalgono al 2009 quando il gruppo seminò il terrore in città mettendo in atto una serie di rapine ed anche alcuni episodi di estorsione e di attentati incendiari. Il primo colpo fu messo a segno il 15 maggio 2009, ai danni del “Sali e Tabacchi” del rione Piombino a Pellezzano: dell’episodio risponde Aniello Saviello che, accompagnato da una persona non identificata, minacciò il titolare facendosi consegnare l’intero incasso della giornata pari a 200 euro.
Cinque giorni dopo, Saviello entra di nuovo in azione ai danni del distributore di benzina “Defi Gas” ubicato in via Gatti a Fratte. Bottino: duemila euro; ancora, il 25 maggio, sempre Saviello è ritenuto l’autore della rapina ai danni del distributore “Esso” di via Francesco Prudente a Salerno che fruttò 300 euro.
Il 27 maggio 2009 è invece la volta del supermercato “Despar” di via Manganario, a Salerno qui Saviello ed un complice entrano armati di pistola e portano via 3800 euro. Il 6 giugno tocca al Supermercato “Sisa” di via Granati, nel quartiere Torrione. I rapinatori agivano armati di pistole semi automatiche e con il viso travisato da passamontagna o casco integrale, si muovevano “a colpo sicuro” utilizzando scooter di media cilindrata e targhe di provenienza furtiva.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Tra 8 anni, o forse anche meno, escono e saranno in libertà.
    Grazie ai loro avvocati (ben pagati)..
    Oggi in italia si può far di tutto.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.