Tracciabilità dei prodotti, ulteriori garanzie per consumatori e Made in Italy (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il fine è quello di informare e proteggere dal falso Made in Italy, lo strumento adottato è la nuova etichetta di origine che, da mercoledì scorso,  è diventata obbligatoria anche sulle confezioni di latte e formaggi.

La tracciabilità del prodotto,  un iter cominciato con la etichetta di origine sulle confezioni di carne di pollo e bovine adesso approda ai prodotti lattiero-caseari.

Le aziende del settore hanno dunque l’obbligo di indicare l’origine del latte e di quello usato come ingrediente nei prodotti caseari, utilizzando la dicitura “paese di mungitura” e “paese di confezionamento e trasformazione”.

Se fossero gli stessi, basterà l’indicazione del paese di origine, così, davanti ad un etichetta con la dicitura “Origine Italia”, il consumatore avrà la certezza che sta portando a casa un prodotto 100% nostrano. Diversamente, avrà indicato se una o tutte le operazioni si sono svolte in un paese dell’Unione Europea o al di fuori di quei confini.

Grazie alle nuove regole, si potrà ricostruire la intera filiera di latte vaccino, ovino, caprino, bufalino, ma anche di burro yogurt, mozzarella, latticini e formaggi. Sono esclusi i prodotti Dop e Igp. Sono già in regola – dati di Coldiretti – due confezioni di latte sul tre. Quanto a yogurt e formaggi, i produttori avranno sei mesi per smaltire le scorte.

Per il ministro delle politiche agricole, Maurizio Martina, il decreto che ha concluso l’iter è una svolta storica; una maggiore tutela delle nostre produzioni in un Paese, lo ricordiamo, che è il maggiore importatore di latte al mondo e dove quattro confezioni su tre contengono prodotto straniero.

Come sostiene il presidente di Coldiretti, Roberto Moncalvo, si risponde così alla esigenza di maggiore trasparenza invocata dagli italiani i quali, secondo la consultazione pubblica online promossa proprio dal dicastero retto da Martina, in più di 9 casi su 10, considerano molto importante che l’etichetta riporti il Paese d’origine d’origine del latte fresco (95%) e dei prodotti lattiero-caseari quali yogurt e formaggi (90,84%), mentre per oltre il 76% lo è per il latte a lunga conservazione.

Il consumatore, dunque, deve essere garantito ed informato il più possibile e con assoluta chiarezza, tanto più quando in ballo c’è il bene più prezioso, ovvero la sua salute.

 

editoriale a cura di Tony Ardito, giornalista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.