Primo Maggio, Cisal: «La piazza è dei lavoratori, politici restino a casa»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
“Vorremmo che in provincia di Salerno la festa del primo maggio venga festeggiata solo dai lavoratori, quelli veri e che fanno i salti mortali per arrivare alla fine del mese, e non dai politici”.
E’ forte la provocazione di Luigi Vicinanza, dirigente sindacale della Cisal provinciale, che in occasione delle celebrazioni del primo maggio continua a puntare il dito sull’immobilismo della classe politica locale sull’emergenza occupazione che continua a imperversare sul territorio.
“Chi non riesce a dare risposte a uomini e donne che, quotidianamente, provano a sbarcare il lunario non può e non deve riempirsi la bocca di belle parole e lavarsi la coscienza di fronte a tutto quello che accade nel Salernitano”.
In primis, secondo Vicinanza, non va dimenticata la vertenza dell’Arechi Multiservice. “L’Ente Provincia, proprietaria della società, non riesce a pagare gli stipendi ai dipendenti per svolgere opere di manutenzione in scuole e strade provinciali.
Tutto questo è colpa di una politica irresponsabile, ha grosse responsabilità nei confronti dei cittadini sempre più poveri e della disoccupazione che aumenta in modo vertiginoso. Ci sono famiglie intere senza nessun reddito e abbandonati da tutto il sistema politico-amministrativo. Quale fiducia o speranza possono avere i cittadini salernitani in difficoltà nei confronti di una classe politica del genere?”.
Poi, la chiosa sulle Fonderie Pisano: “Da quasi due anni è in atto una guerra tra poveri. Ambientalisti e lavoratori quasi si scannano e la politica palleggia tutti sulla delocalizzazione. Aspettiamo che ci scappi il morto? Aspettiate che questa vertenza diventi una guerra sociale? I nostri politici restino a casa questo primo maggio. Loro non hanno nulla da festeggiare”
Infine, la riflessione sul primo maggio. “Sarà la nostra festa, quella dei lavoratori veri. Al lavoro ci crediamo ancora, anche se cercano di rubarlo ogni giorno credendo che non ci sia futuro. Ecco perché oggi i politici non scendano in piazza. Il primo maggio la piazza è solo di chi ha le mani che profumano di dignità, quella che solo il lavoro sa dare”.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. La Cisal è firmataria di un contratto nazionale “dumping” che è stato usato dalla proprietà per ridurre lo stipendio del 7% ai lavoratori di Villa del Sole. Questo solo fa capire come questi articoli siano solo fumo per farsi pubblicità. Chiacchiere !

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.