Nessuna alternativa all’UE. I numeri che condannano l’Italia (di A. Giubileo)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Al di qua del mito, che è necessario e quindi più mi appassiona, è ormai ora che si dica con forza e fermezza una parola di verità sul destino del nostro paese, in Europa.

Nei giorni scorsi, il governo italiano ha deciso di non aderire all’intesa – firmata da 16 paesi dell’Unione Europea, tra i quali Francia e Germania potremmo aggiungere da un lato e la Grecia dall’altro – d’istituire l’Ufficio del Pubblico Ministero Europeo con compiti, purtroppo assai limitati, essenzialmente di controllo sull’operato dei procuratori nazionali.

L’Italia non ha firmato, ma l’intera vicenda testimonia che è iniziata una diversa strategia, di cui si è ampiamente parlato e che d’ora in avanti muoverà l’Unione Europea “a due velocità”. La mancata adesione all’intesa è dunque un male, del quale inoltre non abbiamo appreso nè si capiscono le motivazioni.

Il mito di Europa e del toro risale ai tempi di Omero; nella sostanza, così Orazio inneggiava alla sua enorme potenza: Lascia i singulti, i pianti e impara a sopportare la tua nuova fortuna in grande animo, o tu fanciulla eletta a eterna fama: giacché una vasta parte della terra avrà il tuo nome. L’abbiamo ripetuto più e più volte, fino alla noia, ma è necessario pur sempre ribadirlo: al di fuori dell’Europa, per l’Italia non c’è alcun futuro, che possa ritenersi e dirsi positivo.

Dal 1995 al 2014, l’Italia è terminata all’ultimo posto in Europa per la crescita, in percentuale al dato del PIL: +1,9 rispetto al dato maggioritario di Svezia e Finlandia (+41 circa), intermedio di Francia (+20,7) Spagna (+23,9) e Germania (+28,7), e persino di gran lunga dietro al dato della Grecia di +13,5.

Per il futuro, le previsioni demografiche più accreditate ipotizzano che, al termine dei prossimi trent’anni, il nostro paese sia abitato da una popolazione che sia costituita per almeno 1/3 da immigrati – senz’altro un bene – e che in media raggiunga i 50 anni, dagli attuali 43, circa. In base a questo essenziale dato anagrafico, parlare di futuro appare quindi ancora più difficile.

E tuttavia, tra passato presente e futuro, c’è una terza questione che pesa in maniera ancora più decisiva sul destino del nostro paese, questione per giunta disattesa da oltre un ventennio, ed è quella dell’enorme crescita ancora tendenziale del nostro debito pubblico. Al 2015, il dato è pari al -132,7% del PIL, e quindi penultimi in Europa, avanti solo alla Grecia, con il dato del -176,9%, e molto dietro a Spagna (-99,2), Francia (-95,8) e Germania (-71,2).

Pertanto, la verità è che qui da noi bisognerebbe bandire ogni ricorso a nazionalismi e sovranismi di qualsivoglia genere, perché è fin troppo evidente che, al di fuori dell’Unione Europea, per l’Italia non c’è alcuna alternativa che tenga. Sappiatelo!

    Angelo Giubileo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.