Primarie Pd, Sindaco Napoli: «Eccezionale partecipazione»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa
«I democratici salernitani hanno votato per le primarie del Pd.
È stata una festa della democrazia: migliaia di cittadini si sono recati ai seggi per esprimere il loro libero voto.
Eccezionale la partecipazione, in crescita rispetto alla precedente tornata. Una vittoria netta di Renzi.
Abbiamo constatato la grande compostezza di comportamenti, eleganza e rispetto delle regole che indicano a chi ha avuto cadute di stile, censurabili e inutilmente dannose per l’immagine del partito, gli atteggiamenti giusti, propri della politica nobile e partecipativa.
La città ha dato fiducia a Renzi e ai democratici, e per tutti a Enzo De Luca che è stato considerato motore indiscusso di cambiamento e modernizzazione».
Lo afferma in una nota il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. lecca lecca tanto appena si potrà votare ti mette da parte e ci inventiamo il trota bis (visto che di trote ne ha due il maleducato…)

  2. Ha sbagliato giorno. Oggi si celebra la festa dei lavoratori nella loro dignita’ e fierezza.
    Questa gratuita e “strepitosa” genuflessione al Padrone rappresenta soltanto una squallida subalternità di uno che non conta niente felice di essere in balia di altri.

  3. Sig Francesco La Porta e sig Giovanni Formisano,concordo pienamente con i vostri commenti………italiani e salernitani……..ma quando ci sceglieremo?siamo senza futuro

  4. Ma tutta questa enfasi per cosa,l’elezione di un segretario di partito!!!Aspettiamo che si vada al voto per vedere il popolo cosa decide,poi si festeggera’ semmai,magari ricordandoci che ci sono problemi da risolvere come la disoccupazione,ecc..ecc..

  5. mi fa ridere e anche un po’ rabbia l’ingenuità di quelli che pagano per votare.. senza contare poi quelli ai quali i soldi sono stati “prestati”, soldi provenienti da chissà dove .. ma a giudicare dal numero, qualità, nomi, e storia delle banche italiane fallite ne ho un’idea abbastanza chiara. Stendiamo un velo pietoso, anche perchè si vuol far passare questa vittoria (piena di dubbi) interna ad un partito come un plebiscito nazionale

  6. Caro Ugo oltre al pettegolezzo hai qualche prova dimostrabile di soldi prestati “provenienti da chissà dove .. ” ?
    Se sì allora mostrali e fai anche i nomi Se no smettila di buttare la pietra e nascondere la mano per fare solo demagogia

  7. UnNonSalernitano, vai a studiare tutto il caso MPS, tutto quello Unicredit, tutto quello Unipol e poi ne riparliamo. Forse hai tralasciato molte notizie negli ultimi anni, chissà se per negligenza, per volontà o per cattiva fede. Bastano anche solo i fatti pubblici e pubblicati, possibilmente non su Repubblica, visto che è immischiato e parte in causa vista la proprietà e l’orientamento politico. Giusto come inizio eh! poi possiamo parlare di tante altre cosucce interessanti, ma tanto già so che l’articolo passerrebbe in secondo e terzo piano e poi molto non verrebbe pubblicato..

  8. xUgo
    Non sapevo che tu fossi giornalista.

    Ciò che scrivi tu per gli italiani si chiama COMMENTO mentre per i pretestuosi saccenti come te si chiama ARTICOLO.

    Oppure ti sei tradito mostrando che ciò che scrivi sono articoli che poi riporterai sul tuo organo di partito.

  9. 06:32, certo il mio giornale di partito, mi sai pure indicare quale sarebbe visto che sai tutto? e mi dici pure da cosa lo deduci che sono di quel partito che indicherai? grazie.
    il mio è un commento, e il saccente sei tu: hai già letto tutto sugli scandali e le vicende GIUDIZIARIE che ho elencato? sei veloce! complimenti ! ah ricordati che c’è pure (almeno) un morto di mezzo in mps e nel giro di soldi nella nebbia senese.
    Detto questo, io ho commentato sulla vicenda dell’articolo, in relazione ai TANTI lati oscuri sollevati ANCHE da molti del PD stesso, di altre correnti.. evidentemente NON VUOI CAPIRE e la butti in caciara senza tra l’altro replicare nulla sulle vicende che ho elencato, le quali sono molto molto gravi ovviamente..
    Ma va bene così, io sono un servo del partito (???!) e mi sono tradito! ho inventato tutto! e tu stai sereno!

  10. UnNonSalernitano: dimenticavo, pare chiaro che non hai capito cosa ho scritto: l’articolo che passerebbe in secondo piano NON sarebbe il mio commento, bensì l’articolo AL QUALE quel commento avrebbe fatto riferimento, e cioè questo!… su, su, uno sforzo in più mentre torni alle vicende giudiziarie elencate. Ah le fonti? tranquillamente puoi usare il Manifesto, Liberazione, Il Giornale, il blog di Grillo, e altre magari in lingua differente, che so inglese, francese, portoghese! le fonti più sono, e più sono diverse, meglio è! IO SONO ABITUATO COSI, evidentemente in un organo o giornale di partito sei tu che ci lavori, non io.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.