Veleni dopo Salernitana – Frosinone, giornalista ‘svela’ retroscena

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
9
Stampa
Bolgia dopo il 45′, Stirpe ‘vola negli spogliatoi e chiama la Procura. E’ il titolo dell’articolo  di Giovanni Lanzi sul sito Alessioporcu.it di cui è direttore Alessio Porcu giornale on line laziale.

In questo articolo viene ricostruito, in base a fonti tutte da confermare, quanto accaduto  nella pancia dell’Arechi tra il primo e secondo tempo e che – secondo il sito web – non sarebbe sfuggito agli occhi attenti della Procura Federale.

“Anche il Frosinone – si legge nell’articolo – potrebbe muoversi nelle opportune sedi, anche con il presidente federale Carlo Tavecchio. La regolarità del campionato – gol in fuorigioco a parte del solito Verona – va salvaguardata nel limite del possibile. E il presidente Maurizio Stirpe non abbasserà di un millimetro l’attenzione attorno alla serie B ed al Frosinone.

Ma andiamo per ordine, cerchiamo di ‘spizzicare’ la carta come un incallito giocatore di poker.

 

LA BOLGIA NELLO SPOGLIATOIO
Il via libera al clima che con il calcio non ha nulla a che vedere c’è stato tra il primo e secondo tempo ma già all’arrivo all’Arechi l’aria non era delle migliori. Ma al momento del thè, quando la Salernitana, sotto di tre reti, rientrava negli spogliatoio furente, si raggiungeva il massimo.

Il ds granata Fabiani avvicinava il direttore di gara. E fin qui tutto più o meno regolare. Anche se certe scene – per chi ha un po’ di memoria con le partite del Frosinone degli ultimi 30-40 anni – si era stati abituati a vederle ad esempio sul campo del rione Sanità a Napoli, forse nemmeno ad Afragola e Pomigliano dove si usava un po’ più di… discrezione.

Ma, tornando alla partita dell’Arechi, è bene ricordare che quel clima intimidatorio ai danni del Frosinone, reo probabilmente di trovarsi sul 3-0 e con un uomo in più per la follia acuta che aveva colpito il granata Minala, era però scattato dal 1’, con falli sistematici ai danni di chiunque in maglia gialla provasse ad osare qualcosa.

E così i canarini, al fischio del riposo, avevano atteso che defluisse l’onda granata per poi imboccare la via del sottopassaggio che è posto (strategicamente) sotto la curva della Salernitana. Nel frattempo il patron della Salernitana, Claudio Lotito – che per la cronaca non ha assistito alla partita fianco a fianco al sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani in tribuna ma alla tv dentro uno stanzone dello stadio – si era precipitato nello spogliatoi, per cercare di avvicinare gli arbitri e parlare con la propria squadra.

 

GLI STRILLI DI LOTITO
Proprio con i suoi giocatori Lotito avrebbe avuto un confronto serrato, anche sul ‘modus operandi’ con il quale affrontare il secondo tempo. Invitava ad una gara più ‘maschia’. Sarà stata la concitazione del momento ma tra i presenti qualcuno ha ritenuto che si stesse andando un po’ oltre con l’invito ad ‘affrontare’ i giocatori del Frosinone.

Gli spogliatoi sono caserme ma solo per i non addetti ai lavori. E qualcuno sulla sponda granata se l’è cantata con qualche collega giallazzurro a fine partita. Perché poi alla fine i calciatori si conoscono tutti e spesso le randellate in campo sono ‘tanto per far felici i tifosi ululanti’. Ed è quello che si chiedeva ai giocatori granata. Ma poi in campo, nella ripresa, si è visto poco o nulla. Visto il divario tecnico, si sono detti i giocatori della squadra campana, perché rovinare un’amicizia con un giocatore del Frosinone?

 

LA PROCURA FEDERALE
La sortita di Claudio Lotito negli spogliatoi non è passata inosservata. Soprattutto quello nella zona degli arbitri. Mentre nello spogliatoio c’erano una cinquantina di persone, molti probabilmente senza titolo. Il ds del Frosinone, Marco Giannitti, che avrebbe pagato di tasca sua per vincere a Salerno e che mai avrebbe immaginato di averla vinta già dopo 45’ sul velluto, non ha potuto fare a meno di avvertire il team manager Milana e sollecitargli una telefonata al presidente Maurizio Stirpe, seduto in tribuna.

Il massimo dirigente giallazzurro una volta sceso negli spogliatoi ha chiesto alla Procura Federale di prestare la massima attenzione a tutto ciò stava accadendo. Poteva essere anche tutto nella normalità – e non lo era affatto – ma il clima che si era alzato faceva prefigurare ben altro.

Gli ispettori invitavano quindi tutti i presenti, quindi anche il patron Claudio Lotito, ad abbandonare la zona degli spogliatoi e soprattutto quella antistante la zona dell’arbitro e dei suoi collaboratori dove si accalcavano persone e si alzavano voci per niente rassicuranti.

Il quarto d’ora canonico di pausa filava via colmo di tensioni, una sorta di bolgia costruita ad arte ma dove le urla dovevano restare soffuse al di fuori.

Il Frosinone ha mostrato i muscoli. E ironia della sorte, ancora una volta sulla strada dei giallazzurri c’è il patron della Lazio, Claudio Lotito. Ma da qui a dire che…. porta bene ce ne corre ancora.

Fin qui la ricostruzione del sito web ciociaro. Accuse gravissime su cui la Salernitana non può non rettificare e fornire la sua versione dei fatti. Il secondo tempo si è svolto senza tensioni e fibrillazioni. Il Frosinone ha vinto con merito a Salerno anche se la direzione arbitrale non è stata eccellente. Perchè questa coda velenosa?

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

9 COMMENTI

  1. “Ma, tornando alla partita dell’Arechi, è bene ricordare che quel clima intimidatorio ai danni del Frosinone, reo probabilmente di trovarsi sul 3-0 e con un uomo in più per la follia acuta che aveva colpito il granata Minala, era però scattato dal 1’, con falli sistematici ai danni di chiunque in maglia gialla provasse ad osare qualcosa.”
    Già questo basta a smascherare questo pseudo-giornalista, autore di questo articolo ridicolo, fazioso, surreale, offensivo.
    Sicuramente nei primo 20 minuti abbiamo dormito ma l’arbitraggio è stato vergognoso dal primo secondo: falli a favore del Frosinone inventati, la barella che entrava ogni 2 minuti prima che si accertasse un vero infortunio, rigore non dato a Donnarumma che viene anche ammonito, rigore non dato a Minala che subisce un calcio in faccia, espulsione a Minala che spintona l’arbitro che per primo lo spinge, per non parlare del rigore più ridicolo della storia del calcio.
    La società farebbe bene, per una volta, a dimostrarsi presente intervenendo e denunciando questi cafoni che, dopo aver rubato l’impossibile per un campionato intero, si permettono di offendere la nostra tifoseria e la nostra maglia.

  2. Non credo sia un giornalista colui che ha scritto questo pezzo, nonsi capisce una mazza. E comunque…3-0 primo tempo con rigore inventato ed espulsione a dir poco eccessiva su minalA, non vedo anormalità in un presidente che scende negli spogliatoi.
    Sinceramente non l ho capita questa polemica e di che voleva lamentarsi stirpe manco l’ho capito, i suoi giocatori hanno passato più tempo stesi sul campo che in piedi

  3. Stirpe ha praticamente offeso anche i Napoletani e gli Afragolesi: ” si era stati abituati a vederle ad esempio sul campo del rione Sanità a Napoli, forse nemmeno ad Afragola e Pomigliano dove si usava un po’ più di… discrezione.”….nessuno commenta su queste frasi razzista di Stirpe?

  4. x gerardo l espulsione a dir poco eccessiva?ma che partita hai visto,ragazzi qui forse non vi e` molto chiaro che lotitone ha preso un bel gruzzoletto dal frosinone….analizziamo minala(uomo di lotito) come un zappatore fa un fallo a dir poco inutile,quasi a spezzare le gambe, non contento prende per il cravattino il giocatore del frosinone beccandosi a mio avviso un giallo che gia doveva essere rosso,non contento dopo il giallo spinge addirittura l arbitro…a pro di che lasciare una squadra in 10 quando c era tutto un seocndo tempo da giocare?ma poi avete mai visto la squadra giocare in quel modo?praticamente erano fermi mai visto uno spettacolo cosi teatrale gia tutto prestabilito a tavolino !la verita e` che lotito in A NON CI PUO ANDARE!NON HA VOGLIA DI ANDARCI NE TANTOMENO FARA MAI NULLA PER RAGGIUNGERE QUESTO TRAGUARDO!tanto stavamo lottando per i playoff perche SIAMO DI FRONTE a un campionato di B piu scandaloso negli ultimi 10 anni!Piuttosto speramm a DIO che ci salvamm che la matematica ancora deve arrivare. Saluti

  5. Voglio solo fare alcune considerazioni e cioè nel momento topico del campionato, quando a sorpresa forse per tanti, la Salernitana si poteva inserire in zona playoff è successo che a vercelli (gara finita 0-0) è stato annullato un gol regolare a Minala; in Salernitana – bari (altro 0-0) è stato annullato un altro gol di Joao Silva; Infine, contro il Frosinone, rigore inesistente contro, due rigori a favore non concessi oltre a due espulsioni e mezza squadra ammonita da un arbitro di nocera inferiore facente parte della sezione di tivoli a pochi chilometri da frosinone. E quanto detto è avvenuto ripeto nelle ultime tre gare. E dopo tutto questo dobbiamo anche leggere questi articoli anonimi, infamanti e tutto su notizie non confermate! Sempre e solo Forza Salernitana

  6. Il clima intimidatorio non si è visto e nè avvertito, probabilmente si confonde il giornalista con le proteste dei dirigenti della squadra locale nei confronti dell’arbitro che diciamo la verità nei confronti della Salernitana non è la prima volta che usa atteggiamenti e comportamenti alquanto “strani”, quindi una polemica sterile figlia probabilmente delle strategie di potere all’interno della lega di B, sicuramente su opposte visioni i presidenti Stirpe e Lotito, questo sicuramente è l’unico elemento da considerare. La partita in se si è chiusa dopo venti minuti con il due a zero peraltro giustamente a favore dei ciociari, la mia Salernitana non ha avuto un buon approccio alla gara. Infine sarebbe auspicabile che la CAN valuti l’arbitro in modo sereno e tragga le ovvie conclusioni, arbitro Pasqua non all’altezza.

  7. SAREBBE STATO OPPORTUNO CHE IL GIORNALISTA CHE HA SCRITTO L’ARTICOLO, PRIMA DI SCRIVERE SI DOVEVA FAR RESETTARE IL CERVELLO…………………..

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.