Sconfiggere l’epatite C: gazebo in piazza per la diagnosi precoce

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Un semplice prelievo di saliva per scoprire il virus dell’epatite C e intervenire per tempo.

L’iniziativa, che prende il nome di progetto ‘HEPAR’, è organizzata da Improve con il supporto incondizionato di AbbVie ed il patrocinio dell’Associazione EpaC Onlus con l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione, offrire consigli utili ed effettuare un rapido screening salva-fegato.

Il test della saliva sarà effettuato presso i gazebo allestiti nelle piazze di Aversa, Battipaglia e Avellino da operatori sanitari esperti e fornirà un risultato entro pochi minuti. Gli specialisti dei Centri di riferimento saranno a disposizione per eventuali dubbi o domande e sarà distribuito materiale informativo sull’epatite C.

I gazebo saranno presenti dalle ore 9:30 alle 18:30 sabato 6 maggio ad AVERSA, in Piazza Municipio, e BATTIPAGLIA, in Piazza Amendola; sabato 13 maggio ad AVELLINO, in Corso Vittorio Emanuele (altezza Villa Comunale).

“L’epatite C ha un’alta prevalenza in Campania – dichiara Massimiliano Conforti, ‎Vice Presidente Associazione EpaC Onlus – La nostra Regione è ai primi posti in Italia con oltre 30.000 casi diagnosticati, in base alla nostra ricerca condotta nel 2015, e risulta la seconda regione d’Italia, dopo la Lombardia, in quanto a pazienti in trattamento, oltre a un numero ancora non ben definito di persone che ignorano di avere l’infezione.

Chi contrae l’infezione, infatti, non presenta sintomi o segni evidenti della malattia anche per molti anni. Con il progetto Hepar vogliamo portare nelle piazze la possibilità di effettuare uno screening gratuito, semplice e mirato a tutti coloro che hanno il dubbio di essere venuti a contatto con il virus HCV.

Bisogna superare il concetto il paziente è tale quando sta male, con l’epatite C bisogna giocare d’anticipo: diagnosticare tempestivamente e curare adeguatamente oggi è possibile”.

Il virus dell’epatite C si trasmette principalmente attraverso il sangue. Oggi le trasfusioni sono sicure, mentre rimane possibile la trasmissione causata dallo scambio di aghi e siringhe per l’uso di droga endovena, la trasmissione causata da alcuni strumenti medici non sterilizzati correttamente, la trasmissione sessuale ed alcunitrattamenti estetici come il tatuaggio, il piercing, la manicure ma anche il laser o i filler. Possono essere a rischio di esposizione anche i familiari di persone con epatite C e il personale sanitario.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.