Alitalia, crociata di De Luca: divise hostess, una vergogna 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
Cambiare le divise delle hostess di Alitalia è l’ultima crociata lanciata dal governatore della Campania Vincenzo De Luca.
“Mi auguro – ha detto nel corso dell’appuntamento settimanale che ha sull’emittente Lira Tv – che si decida di cambiare le divise delle hostess che sono una vergogna per l’Italia.
Siamo passati – ha sottolineato De Luca – da dipendenti che vestivano Armani a divise che sono un obbrobrio e offendono l’estetica in generale e il Paese. E’ un dettaglio, ma simbolico di come siamo diventati subalterni al socio di minoranza Etihad, che ha imposto quel tipo di divisa che non è da hostess italiane”.
“Quella divisa – ha aggiunto – e’ una cosa penosa, mi viene da indignarmi. Con quella specie di panettoncino che hanno messo in testa come cappello. Ritorniamo alle divise di Armani o di qualche altro stilista italiano, almeno questo”.
Quanto al disastro finanziario in cui è precipitata la compagnia aerea, De Luca individua i responsabili “in tutti i soggetti interessati, da chi ha gestito, alla politica che ha utilizzato quelle realtà per fare operazioni di clientela, fino agli sprechi e ai privilegi vergognosi”.
“Credo che oggi – ha concluso il governatore – non sia più cosi’, le spese per il personale sono ridotte al 15%. Per arrivare al disastro cui siamo c’e’ stato il contributo di tutti, ma oggi ci sono le condizioni per fare un piano industriale serio e per confrontarsi sul mercato. Adesso ci saranno sei mesi di purgatorio, e anche come Campania siamo interessati perché rischiamo ricadute occupazionali anche sui nostri territori”.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. … di S.B. il caso Alitalia?
    Fra un pò toccherà a Telecom e poi ad ENEL.
    Così quando tutto sarà finito porteremo fiori a M.Thatcher e a R.Regan.

  2. 21:33, sei rimasto al 2009, nel 2014 quacun altro ha fatto entrare gli arabi e una famosa fondazione senese: questo qualcuno non si chiama sb, il partito non si chiama fi e quella fondazione è tristemente famosa per la finanza clientelare creativa. buon 2017 a te

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.