La longevità per la scienza ormai non ha segreti (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
In Indonesia le nascite si registrano solo dal 1900, e nessuno li ha potuti contare, ma dai documenti che mostrava con vanto, Saparman Sodimedjo aveva 146 anni.

Noto anche come Mbah Ghoto, era nato sull’isola di Giava il 31 dicembre 1870; per capirci, l’anno in cui in Europa si combatteva la guerra franco-prussiana.

Al funerale, celebrato la scorsa settimana, si cercava di capire come il “giovanotto”, che solo due giorni prima di assurgere a miglior vita si aggirava a piedi da solo, fosse potuto arrivare alla veneranda età di quasi un secolo e mezzo.

Un primato che lo renderebbe chiaramente l’uomo più anziano di cui mai si è avuta notizia. Fumatore incallito, sopravvissuto a quattro mogli, 10 fratelli ed a tutti i suoi figli, Ghoto – non molto tempo fa – dichiarò alla Bbc che il suo segreto si chiamava, manco a dirlo, pazienza.

Il 15 aprile all’età di 117 anni e mezzo, nella sua casa di Verbania, si spegneva Emma Morano. Quinta nella classifica di tutti i tempi, era la persona registrata più anziana vivente al mondo. Oggi, con i suoi 117 anni, la persona in vita più longeva, risulta essere Violet Brown, una donna giamaicana, nata il 10 marzo del 1900.

Noi, comuni mortali, classifichiamo questi come fenomeni o eccezioni, ma per la scienza non è lo stesso. Alla Stanford University dei genetisti hanno dimostrato che per vivere più a lungo si possono ad esempio allungare i telomeri: le estremità dei cromosomi che proteggono il DNA. Per ora è solo un esperimento su colture cellulari, domani chissà.

Di fatto, chi nasce oggi può già contare su un budget di vita di cent’anni, tant’è che i geriatri sono costretti a inventare nuovi termini quali “preanziano” per chi ha una età compresa fra i  65 ed i 75 anni, solo dopo inizierebbe la vecchiaia.

Nelle “zone blu” del pianeta – aree dove una percentuale più alta della popolazione vive incredibilmente a lungo – ovvero la Barbagia e l’Ogliastra in Sardegna; l’isola di Ikaria, in Grecia; le isole di Okinawa in Giappone; la penisola di Nicoya in Costarica e Loma Linda, in California – nella comunità cristiana degli “Avventisti del settimo giorno” – si verrebbe considerati davvero vecchi  solo dopo aver spento la candelina secolare.

Gli scienziati hanno messo in correlazione la genetica e l’ambiente con l’alimentazione e lo stile di vita tra le cause principali della longevità.

Se vivere tanto a lungo, oltre ad un record, possa o no rappresentare anche un vantaggio naturalmente dipende e molto dalla qualità della vita che si ha la fortuna di avere.

editoriale a cura di Tony Ardito, giornalista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.