«No Crescent»: al via raccolti fondi per sostenere spese legali degli ambientalisti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
8
Stampa
Una raccolta fondi per rilanciare l’azione di contrasto alla realizzazione del Crescent, il fabbricato nell’area di Santa Teresa progettato da Bofill e voluto dall’allora sindaco Vincenzo De Luca.

L’iniziativa è di Italia Nostra, Figli delle Chiancarelle e comitati ambientalisti che hanno lanciato un ironico Bop: il buono ordinario di pullanghella.

Acquistandone uno sarà possibile contribuire al sostegno delle spese legali delle associazioni ambientaliste. L’iniziativa sarà presentata il 13 maggio al Caffè Letterario Verdi di Salerno, in piazza Matteo Luciani, alle ore 11

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

8 COMMENTI

  1. ormai siete allo sfascio… il crescent i salernitani lo vogliono… chi ha avuto la il panorama ostacolato se ne faccia una ragione e cambi casa se proprio vuole vedere il mare

  2. Italia nostra non’è di tutti, ma solo di poche persone che non hanno niente a che fare ne con il Crescent ne con altre cose; sono solo ridicoli e non hanno il senso dello sviluppo e della rinnovazione, ma solo gli interessi di poche persone. Spero solo che la legge vi condanni a pagare tutte le spese in modo rapido e veloce

  3. magnatv ‘a pullanghella. Ridicoli, andate a lavorare inutili figli di papà che non conoscete il sudore del lavoro. Palla al piede della società e di chi lavora e non ha tempo da perdere per le vostre str…..te.

  4. Perché non raccogliete fondi per abbattere il viadotto Gatto e liberare gli abitanti delle case sottostanti dall’incubo di vedersi crollare addosso qualche campata? E perchè non lo avete fatto per impedire gli scempi edilizi creati nei decenni passati sulle colline retrostanti alla città?

  5. Perché non raccogliete fondi per abbattere il viadotto Gatto e liberare gli abitanti delle case sottostanti dall’incubo di vedersi crollare addosso qualche campata? E perchè non lo avete fatto per impedire gli scempi edilizi creati nei decenni passati sulle colline retrostanti alla città?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.