“Arriva legge blocca ruspe”, allarme ambientalisti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il mondo dell’ambientalismo in questi giorni è in allarme: dall’ex assessore della giunta Raggi Paolo Berdini (quello del no allo stadio della Roma ) all’ex pretore d’assalto Gianfranco Amendola, tutti preoccupati per un disegno di legge presentato dal senatore verdiniano Ciro Falanga che è a un passo dall’approvazione in Senato e che, accusano, metterebbe una pietra tombale sulla demolizione di case abusive ed ecomostri.

Lo scrive Marco dell’Olmo nel Focus dell’ANSA diffuso oggi dalla principale agenzie di stampa italiana.

Il via libera in commissione è stata veloce ed unanime e ora manca solo il sì dell’aula di Palazzo Madama. Poi, dicono i firmatari di un appello contro l’approvazione del ddl, non resterà che sperare nel Quirinale, che se volesse potrebbe bloccare la legge e rinviarla alle Camere.

Gli effetti perversi del ddl Falanga, a sentire i promotori della denuncia, sono nascosti nel meccanismo ideato per programmare le demolizioni: una scala di priorità che ha in cima le case in costruzione, da abbattere per prime, e all’ultimo gradino quelle già abitate.

“Funziona così – spiega il verde Angelo Bonelli – le case già abitate di fatto sono tutte salve. Per le altre bisogna individuare l’abuso, poi arriva la sentenza che ordina la demolizione, e ci sono 90 giorni di tempo per eseguirla.

Figuriamoci: in tre mesi la casa può essere finita, ci si mette dentro una famiglia, e il gioco è fatto. E mafia e camorra ringraziano”. Insomma “questo è un provvedimento che legalizza in modo permanente l’abusivismo con effetti futuri permanenti”.

Bonelli se la prende con i governatori di Campania e Sicilia De Luca e Crocetta: “La legge la vogliono loro perché è nelle loro regioni che c’è il numero maggiore di abusi. In Campania le case fuori regola sono 70mila, in Sicilia un po’ meno ma si calcola che c’è un abuso ogni novecento metri di costa”. Ma il senatore autore del disegno di legge non demorde.

“Respingo tutte le critiche – dice Falanga – chi le fa non conosce la realtà. Il mio disegno di legge è un atto di giustizia che mette fine all’incertezza, specie nella mia regione, la Campania. C’è gente che ha comprato una casa per cui era stato chiesto il condono e ora si trova le ruspe davanti il portone. Se non viene approvato il mio ddl mi dimetto da senatore. Se non riesco a tutelare i miei concittadini che ci sto a fare in Parlamento?”

Fonte ANSA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.