Alimentazione, alla tavola del futuro io preferisco il ragù di ieri (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Sembrerebbe che dobbiamo abituarci, anzi rassegnarci, alla idea dell’entomolofagia, ovvero: in un domani non così lontano mangeremo insetti.

Ma non solo, anche carne in vitro prodotta in laboratorio. Ce lo avevano annunciato eminenti scienziati e ricercatori nel corso del recente Expo di Milano.

Gli allevamenti intensivi, oltre ad essere diventati disumani e compromessi da ormoni e antibiotici, sono responsabili del 20% dell’effetto serra, il che incide sul clima il quale a sua volta rende l’agricoltura sempre meno produttiva.

Basti pensare che per ogni grado in più, i raccolti di mais diminuiscono del 7%. E così si ipotizzano soluzioni su come nutrire 9 miliardi di esseri umani, in un futuro mica poi tanto remoto. Larve, cavallette, grilli e formiche sembrano poter essere la soluzione.

Infondo, da tempo circa 2 miliardi di persone in Asia consumano quotidianamente i loro pasti scegliendo tra 1900 specie di insetti commestibili; i conservatori della bistecca e del prosciutto ovviamente  replicano affermando si tratta di una questione di cultura. Ma secondo gli studiosi i vantaggi ci sono ed appaiono tangibili. Peraltro, gli allevamenti di animali destinati alla macellazione sono sempre meno sostenibili a livello ambientale.

Per allevare insetti necessita minor spazio, meno acqua e mangimi e le loro qualità nutritive sono eccellenti. Ricerche condotte dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) confermano che i livelli di ferro, calcio, magnesio presenti in cavallette, grilli, larve ci faranno meno obesi e più sani. Ed allora prepariamoci a gustare una croccante cavalletta perché è solo questione di tempo.

E’ evidente che gli italiani, considerato il loro fortissimo legame con il cibo della tradizione, faranno molta fatica ad abituarsi e probabilmente dovranno iniziare gradualmente con prodotti magari a base di insetti in cui però la forma dell’animale viene occultata, come farine o hamburger.

Dal dibattito tra gli addetti ai lavori emerge che è solo una questione di mentalità: un crostaceo non sarebbe così tanto diverso da un insetto, anche nel tratto, eppure lo mangiamo senza alcun problema, anzi.

Ciononostante, io con molte altre prelibatezze vorrei poter continuare a preferire un ragù di “defilippiana” memoria anziché, una succulenta fiorentina alla brace o una croccante cotoletta alla milanese.

 

editoriale a cura di Tony Ardito, giornalista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.