La scienza mette sotto esame i rimedi dei nonni (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il Pediatric Academic Societies Meeting di San Francisco ha presentato i risultati di una ricerca per la quale sono state analizzate diverse pratiche applicate alla “care” dei bambini, tradizionalmente considerate efficaci, smentendone i presunti benefici e sottolineando la pericolosità di alcune convinzioni.

A New York, il team di Andrew Adesman, responsabile della Pediatria dello Sviluppo al Cohen Children’s Medical Center di New Hyde Park, ha valutato il comportamento di circa 800 nonni che si occupano della crescita di almeno un bambino.

Da sempre, spesso si ricorre alla sapienza ed alla saggezza dei nonni per rimediare a piccoli acciacchi o problemi di salute, ahimè non sempre appropriati. Non a caso nel tempo la scienza ha bocciato taluni empirismi, quali il burro sulle ustioni per non avvertire dolore.

“Il numero di bambini cresciuti principalmente dai nonni è aumentato. Come pediatri noi vogliamo che i bambini siano nelle mani migliori possibili e che la loro salute sia la migliore possibile, così i miti generazionali sono una delle aree cui ci siamo dedicati nell’occuparci del tema dei bambini allevati dai nonni”. Il professor Andetrson ha così riassunto le motivazioni che lo hanno indotto a condurre una tale indagine.

Dal questionario proposto su una serie di rimedi comuni – considerati inefficaci – sono emerse convinzioni  talvolta non pericolose – ad esempio non far mangiare latticini a un bambino con la diarrea – ed altre preoccupanti.

E’ ancora alta infatti, ben il 44%, la percentuale dei nonni che raccomanda bagni di ghiaccio per far calare una febbre alta; viceversa i medici lo scongiurano anche perché un simile rimedio può causare ipotermia. L’American Academy of Pediatrics – e naturalmente non solo – consiglia dunque bagni tiepidi.

Il 25% circa degli anziani non sa che la posizione ideale per far dormire un poppante  e scongiurare il rischio di sindrome da morte in culla non è a pancia in giù, bensì sulla schiena: gli studiosi affermano che da circa 20 anni che si è scoperto che è molto più sicuro.

Oltre ad assumere valore scientifico, lo scopo di studi del genere è peraltro finalizzato ad aiutare i nonni, che sono e restano una risorsa e un riferimento preziosi, e naturalmente a educare e aggiornare i genitori.

Una corretta informazione consente agli uni e agli altri di acquisire una maggiore sicurezza e ulteriore consapevolezza dell’importante ruolo che essi svolgono nelle varie fasi della crescita di un bambino.

editoriale a cura di Tony Ardito, giornalista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.