Ravello: danneggiata auto di un turista al parcheggio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Non si svolgerà stamani il mercato settimanale di Ravello.

A stabilirlo il sindaco Salvatore Di Martino come punizione per la deplorevole azione attuata da alcuni mercatali i quali, giunti per primi sulla seconda piazzola del parcheggio di piazza Vescovado, pronti a sistemarsi per il montaggio dei banchi, hanno cercato di rimuovere un’auto lasciata in sosta sull’area. Lo scrive IlVescovado.it

Si tratta della vettura verosimilmente appartenente a un turista il quale, con ogni probabilità ignaro del divieto di sosta in vigore dalla sera precedente per consentire lo svolgimento del mercato, l’aveva “dimenticata” in parcheggio (d’altronde si trova in vacanza).

E i mercatali, provenienti dall’agro nocerino sarnese, che si sono visti occupare il proprio spazio, hanno pensato bene di far da sé, legando, probabilmente mediante una fune e in maniera improvvisata, l’avantreno dell’auto alla parte posteriore di uno dei loro mezzi. Pochi metri e i “nuovi talenti” si sono dovuti attendere dopo aver provocato danni all’auto.

Sul posto, intorno alle 7 e 30, sono giunti gli agenti della Polizia Locale che hanno chiesto spiegazioni ma tra i mercatali ha prevalso l’omertà. Quindi son stati avvisati i Carabinieri che hanno effettuato i rilievi del caso (l’area, incredibilmente, non è monitorata da impianto di videosorveglianza), identificato i presenti e incaricato il carro gru della ditta Paolillo di rimuovere l’auto e di trasferirla presso i propri depositi di Cigliano.

L’auto, nuova, è risultata presa a nolo e, dunque, al noleggiante sarà comunicata in giornata l’amara sorpresa. Per lui oltre al danno anche la beffa di una sanzione per divieto di sosta.

Il sindaco Di Martino, al reiterato silenzio dei responsabili, ha chiuso il mercato, mandando tutti a casa, per lo sbigottimento di tutti. Una scelta quanto mai giusta e necessaria per un episodio grave, che riaccende i riflettori su modi e criteri poco ortodossi di chi non ha ancora compreso il grado di civiltà, tolleranza e accoglienza della Città di Ravello, in cui l’ospite è sacro e indispensabili i principi basilari della buona educazione.

Ora si attendono duri provvedimenti nei confronti dei responsabili.

Fonte IlVescovado.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Da premettere che chi sia stato prima di farsi giustizia fai da te,avesse chiamato i vv.uu. che con il carro attrezzi avrebbero provveduto alla rimozione della vettura più la sanzione prevista.Non penso che non ci siano cartelli nella piazza che segnalino che nei giorni in cui è previsto il mercato e’ vietata la sosta,la legge non ammette ignoranza,ma in ogni qual modo la giustizia fai da te non è sicuramente accettabile.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.