Eboli. Ordinanza comunale sull’igiene per i proprietari di aree a ridosso di strade pubbliche

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Il Comune di Eboli ha emanato un’ordinanza che regolamenterà l’obbligo di mantenere igiene e decoro nelle aree che confinano con le strade pubbliche. L’obiettivo è evitare che si creino le condizioni per il proliferare di situazione di pericolo per l’igiene pubblica. «E’ un provvedimento che guarda sia all’igiene, sia alla sicurezza – spiega il sindaco, Massimo Cariello -, perché ha l’obiettivo di evitare che si crein le condizioni per incendi e diffusione di rifiuti, garantendo sicurezza ed igiene alla comunità».

Con la nuova ordinanza i cittadini proprietari di immobili o terreni che confinano con strade pubbliche, i cosiddetti “frontisti”, devono provvedere alla potatura di siepi e alberature private, alla cura dell’erba ed a quella dei fossi. «Le situazioni nelle quali i proprietari devono intervenire sono quelle in cui è necessario garantire la sicurezza e il mantenimento del territorio comunale – commenta l’assessore all’ambiente, Ennio Ginetti -. Per quanto riguarda siepi ed alberature private, i proprietari di giardini, parchi o terreni agricoli confinante con una strada pubblica devono provvedere alla potatura di siepi ed alberi se i rami esterni nascondono la segnaletica o compromettono la sicurezza della circolazione». Se la potatura o l’abbattimento devono essere effettuati con urgenza per garantire la sicurezza e l’incolumità pubblica, non sarà necessario chiedere l’autorizzazione alla potatura: in questi casi le norme del Codice della Strada prevalgono sul Regolamento Comunale del Verde.

Per quanto riguarda invece la gestione dei fossi, nel caso in cui le acque piovane o di irrigazione provenienti da terreni privati convoglino in un fosso stradale, i proprietari frontisti di questi terreni devono effettuare la regolare pulizia e provvedere anche allo sfalcio dell’erba nel lato adiacente la proprietà. Per tutti, naturalmente, è posto l’obbligo di rimuovere i rifiuti e procedere con il corretto smaltimento. In ogni caso, per eventuali informazioni sulla potatura di siepi, alberi ed erba incolta è possibile rivolgersi all’Ufficio Ambiente, nei giorni ed orari di apertura al pubblico. L’ordinanza firmata dal sindaco di Eboli prevede sanzioni per i trasgressori che vanno da 100 a 1000 euro e nei controlli, oltre alla Polizia Locale, sono stati coinvolti gli ispettori ambientali.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. e come sempre tutto ricade sui proprietari, mentre il settore pubblico è distrutto. Di fatto i cantonieri e i manutentori stradali sono un vago ricordo. Inoltre possiamo notare come è bella e ben tenuta la facciata del comune, così come tutti gli uffici e i locali comunali, vero?!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.