Dopo un anno sottotono Rosina punta al riscatto in granata

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
7 gol in 38 partite, 3033 minuti trascorsi in campo, sarebbero numeri importanti (ai quali vanno aggiunti anche diversi assist vincenti) per un attaccante esterno. Ma è chiaro che da un giocatore del calibro di Alessandro Rosina ci si possa aspettare di più. Molto di più. Anche in considerazione del fatto che si parla del giocatore con l’ingaggio più alto nella rosa granata e col contratto più lungo (assieme a Coda, Odjer e Mantovani). Eppure, qualcosa non è andato per il verso giusto.

Il primo anno in granata di Alessandro Rosina è stato caratterizzato da più ombre che luci. Il rendimento a corrente alternata del mancino calabrese ha fatto sì che in molti, a più riprese, si siano ritrovati a storcere il muso di fronte alle scelte di Sannino (che lo ha utilizzato anche come interno di centrocampo) prima e di Bollini poi di puntare su di lui, anche a costo di lasciare fuori Donnarumma e di dividere i gemelli del gol. Al di là dei moduli, delle polemiche, dei numeri, in molti si sono chiesti, vedendolo all’opera, che fine abbia fatto il giocatore esplosivo, capace di saltare uomini come birilli, di segnare gol a grappoli e di sfornare assist con continuità impressionante.

Certo, gli anni passano per tutti, e dunque anche per Rosina (che solo l’anno scorso a Bari aveva segnato 12 gol e dispensato 11 passaggi vincenti ai compagni). Ma comunque, visto che la società di Lotito e Mezzaroma ha puntato fortemente su di lui (facendogli sottoscrivere un quadriennale a cifre importanti, nonostante i 33 anni compiuti a gennaio), da un giocatore dotato del suo talento è lecito aspettarsi sempre tanto. A parziale scusante, bisogna sottolineare che Rosina ha saltato in toto la preparazione estiva, visto che era in atto un autentico braccio di ferro col Catania, e nonostante questo non si è mai tirato indietro, quando Sannino e Bollini gli hanno chiesto di scendere in campo.

E il problema ad un polpaccio accusato in chiusura di 2016 gli ha impedito di fare il richiamo nel corso della sosta invernale del campionato di Serie B. Stavolta, partendo sin dall’estate col gruppo granata, Rosina potrà certamente presentarsi in condizioni migliori, potrà fare prima la conoscenza dei compagni di reparto e assimilare i dettami tattici. E potrà puntare a fare meglio e ad essere più costante di quanto non gli sia riuscito nel suo primo anno in granata. Altrimenti il suo contratto “pesante” potrebbe cominciare a far storcere il muso anche alla proprietà.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.