Otite curata con l’omeopatia, muore bimbo di 6 anni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
E’ morto Francesco, il bambino di 6 anni ricoverato dal 24 maggio nella rianimazione ad Ancona per un’otite curata con l’omeopatia e non con gli antibiotici. Aperta un’inchiesta.

Il nonno: denunceremo l’omeopata. I genitori autorizzano la donazione degli organi. I pediatri: l’omeopatia non cura le patologie.

Adesso sarà un’inchiesta penale, aperta per il reato di omicidio colposo, a chiarire chi ha la responsabilità di questa morte causata dalle complicanze di una banale otite bilaterale curata per due settimane solo con rimedi omeopatici. I familiari del bambino, che viveva a Cagli, in provincia di Pesaro Urbino, accusano il medico omeopata a cui s’erano affidati, preferendolo alla pediatra di famiglia.

«Lo denunceremo, è stato lui a dire ai genitori di non ricoverarlo, li ha spaventati dicendo che i farmaci tradizionali l’avrebbero fatto diventare sordo o indotto in coma epatico», accusa il nonno materno Maurizio, con uno sfogo che adesso la Procura dovrà mettere a confronto con la versione che darà il medico omeopatico con studio a Pesaro.

Anche i genitori di Francesco, che hanno altri due figli minori, potrebbero essere indagati per non essersi rivolti ad altri medici o al pronto soccorso vedendo che la situazione peggiorava.
Da tre anni Francesco non veniva portato dalla sua pediatra. I genitori avevano deciso di cambiare medico forse per evitare di somministrare al piccolo gli antibiotici.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. ok, ma non criminalizziamo tutta l’omeopatia, dopotutto è un caso, mi/vi chiedo: non esiste nessun caso di errore, morte, malattia non curata o addirittura creata, dalla medicina tradizionale??? eppure non mi pare che in quei casi, numerosissimi (e potrei fare almeno tre esempi personali) appaia l’articolo “morto/malato a causa della medicina tradizionale”. Detto questo è stato un errore del medico, ma anche i genitori non sono da meno: non erano affatto obbligati ad ascoltare un solo medico, ancor meno erano legati e incatenati! potevano traquillamente andare al PS o da altro medico

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.