Calcio: presunto tentativo combine Catanzaro-Avellino 2013

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
É Catanzaro-Avellino del 5 maggio 2013, che valse ai campani la promozione in serie B con una giornata di anticipo, la partita del girone B di Lega Pro finita, casualmente, nell’inchiesta “Money gate” sul riciclaggio di ingenti somme di denaro che stamani ha portato all’arresto del presidente del Catanzaro calcio Giuseppe Cosentino. Indagando su Cosentino, sospettato di trasferire capitali della sua società di import-export Gicos all’estero, i finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria si sono imbattuti nel presunto tentativo di combine.

Un episodio marginale nell’ambito dell’inchiesta e che è ancora al vaglio degli inquirenti per verificare, ha spiegato il procuratore della Repubblica di Palmi Ottavio Sferlazza, “l’eventuale sussistenza di elementi in ordine al tentativo di aggiustare l’incontro.

Ove dovessero emergere delle responsabilità, come è doveroso invieremo gli atti alla giustizia sportiva”. Dalle indagini sarebbe emerso il tentativo di concordare un pareggio utile al Catanzaro per evitare i play out e all’Avellino per avvicinarsi alla promozione in B. La partita, però, finì con la vittoria dell’Avellino, che conquistò così la matematica promozione in serie B.

I presidenti ed i direttori sportivi di Catanzaro ed Avellino, oltre ad un giocatore della formazione calabrese, sono indagati dalla Procura della Repubblica di Palmi in relazione al presunto tentativo di combine per la gara disputata dalle due squadre il 5 maggio 2013. I due presidenti, Giuseppe Cosentino e Walter Taccone, i dirigenti Armando Ortoli e Vincenzo De Vito, ed il calciatore Andrea Russotto sono accusati di frode in competizione sportiva.

“Il risultato di pareggio concordato – è scritto nell’ordinanza che ha portato Cosentino agli arresti domiciliari nell’ambito di una inchiesta sul riciclaggio di somme di denaro sottratte dalla sua società di import-export e che non riguarda il mondo del calcio – avrebbe consentito al Catanzaro di non ritrovarsi nella fase play out per la retrocessione ed all’Avellino di raggiungere la promozione alla serie superiore”.

Il risultato, non raggiunto “per il mancato rispetto degli accordi da parte dell’Avellino – proseguono i pm – che, a seguito della vittoria del Perugia, per non correre il rischio di non raggiungere la promozione alla serie B, si è aggiudicato la partita per 1-0, nonostante Russotto del Catanzaro avesse deliberatamente fallito due chiare occasioni per segnare il gol del vantaggio, ha comunque consentito ad entrambe le società di raggiungere gli obiettivi di campionato per i risultati negativi delle concorrenti del Catanzaro Calcio”.

Fonte ANSA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.