Omeopatici Napoli, bimbo morto è caso ‘malpratice’

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Un probabile caso di “malpractice” individuale “nulla ha a che fare con l’ Omeopatia in quanto tale così come col lavoro serio e coscienzioso di migliaia di omeopatici”, che hanno la fiducia di 8-10 milioni di utenti in Italia, 130 in Europa ed oltre 700 nel mondo.

Cosi la “Liga Medicorum Homeopathica Internationalis”, attraverso il Centro LUIMO di Napoli, commenta la vicenda del piccolo Francesco, il bambino di 7 anni morto il 27 maggio all’ Ospedale di Ancona, in seguito ad una otite curata senza l’ uso di antibiotici.

La delegazione italiana della L.M.H.I. esprime consenso per “la cautela ed al rispetto con cui si sono espressi sia il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin che altri autorevoli esperti sul caso specifico”.

“Ogni omeopata, in quanto medico, agisce responsabilmente secondo scienza e coscienza – aggiunge la Lega dei Medici Omeopatici – le sue scelte, quindi, devono essere sempre guidate da competenza professionale ed onestà intellettuale”.

“Una patologia acuta come l’otite – affermano ancora i medici omeopatici – frequente in età pediatrica, in genere viene curata bene dal medicinale omeopatico, soprattutto nei primi giorni, allorquando non è necessario il ricorso ad antibiotici, come evidenziato in letteratura. Tuttavia, se entro 72 ore non si ottiene un netto miglioramento, si deve necessariamente cambiare strategia”.

“In altri termini, l’Omeopatia, se gestita da professionisti preparati, è una risorsa in più, che si aggiunge alle terapie di provata efficacia: non è un caso se nel resto d’Europa i premi assicurativi per gli omeopati sono i più bassi in assoluto, proprio in virtù del rischio professionale estremamente ridotto”.

La Lega dei Medici Omeopatici ricorda infine che l’ Omeopatia Europa è stata legalizzata in 7 Paesi, tra i quali la Svizzera, che l’ha equiparata alla Medicina Convenzionale, mentre l’ OMS nel suo rapporto decennale sulle “Medicine Tradizionali 2014-2023”, ha caldamente raccomandato la sua implementazione nei Servizi Sanitari dei Paesi membri dell’ Organizzazione.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.