Amalfi: offese e strattonò alunna, maestra rinviata a giudizio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Prima veniva urlata e offesa e poi anche picchiata e strattonata: cosi, tre anni fa, i genitori di una bambina di Amalfi, frequentante una scuola elementare del posto  avevano denunciato la maestra. A darne notizia Il Vescovado.it

All’esito delle attività di indagine condotte dalla dottoressa Elena Cosentino, magistrato presso la Procura della Repubblica di Salerno, è stata formulata una prima richiesta di archiviazione. Ad essa ha fatto seguito l’opposizione all’archiviazione degli atti, da parte dei genitori della bambina che oggi ha 12 anni, in qualità di esercenti la potestà genitoriale.

Pertanto il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Salerno, Sergio De Luca, ha disposto, con ordinanza, lo svolgimento di nuove indagini, a seguito delle quali il Pubblico Ministero ha nuovamente richiesto al Gip l’archiviazione degli atti.

E’ seguita, da parte dell’avvocato Giuseppe Della Monica, legale della famiglia della bambina amalfitana, una seconda opposizione all’archiviazione che ha sciolto ogni dubbio in ordine ai fatti contestati all’insegnante, determinando il Gip De Luca a disporre l’imputazione coatta della maestra difesa dall’avvocato Arturo Frojo del Foro di Napoli.

 L’imputazione formulata nei confronti della donna riguarda il reato di maltrattamento della minore affidatale per ragioni di cura, istruzione ed educazione, mortificandola con le seguenti frasi: «Stai zitta tu che sei falsa e bugiarda, la vedete? Abbiamo fatto un’altra maestra», rimproverandola senza ragione, negandole il permesso di andare al bagno, fino a strattonarla con violenza per il braccio sinistro, provocandole lesioni personali consistite in “contusione con sospetta infrazione muscolare”.

Ma come spesso accade in questi casi l’opinione pubblica si divide, con una buona parte di alunni e cittadini che riconosce nella maestra indubbie qualità umane ed educative.

Ieri, 8 giugno, dinanzi al dottor Ubaldo Perrotta, Giudice dell’udienza preliminare del tribunale di Salerno, si è celebrata l’udienza preliminare, nel corso della quale i genitori della bambina si sono costituiti parte civile, come i suoi legali rappresentanti.

Il Gup di Salerno ha rinviato l’insegnante a giudizio. Con la prima udienza del processo fissata il 19 febbraio 2018 dinanzi al dottor Cantillo, Giudice monocratico del Tribunale di Salerno.

Fonte Il Vescovado.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.