Benevento in A: Salerno si mangia le mani per occasione persa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
17
Stampa
La promozione in serie A del Benevento da un lato è stata salutata con soddisfazione dagli sportivi salernitani dall’altro ha dato la stura al valzer dei rimpianti e delle delusioni per il campionato dei granata, per quello che poteva essere e non è stato. I destini di Benevento e Salernitana si intrecciarono già nel 2014-2015. Entrambe in serie C entrambe in lotta per la promozione tra i cadetti.

La squadra allenata da Menichini surclassa i sanniti di Brini e vola in B. Il Benevento va agli spareggi perdendoli. L’anno dopo con Auteri in panchina la compagine di patron Vigorito raggiunge la promozione mantenendo inalterata la spina dorsale della squadra. Una volta in B il divorzio inatteso da Auteri e la scelta vincente di Baroni. Qui il capolavoro di una società che parte con il piede giusto, accusa una flessione nella parte centrale della stagione ma non perde la testa dopo e riesce, con un colpo di reni, a riaprire il discorso play off battendo il Frosinone ed a vincere gli spareggi. Alla base di questo successo c’è un programma, un progetto, una società.

Un doppio salto che parte da lontano nonostante le difficoltà e le delusioni. Una società che ha dato carta bianca realmente a Di Somma. Una società che ha tirato fuori risorse importanti per allestire una squadra all’altezza del torneo di B. Una società che nella scelta di uomini e programmi si è mossa per tempo e non all’ultimo minuto.
Anche la Salernitana avrebbe potuto e dovuto fare il doppio salto come è accaduto per Spal e Benevento. Troppi, però gli errori commessi uniti alla sfortuna che non è stata certo alleata dei granata. Anche gli errori arbitrali hanno rappresentato una componente non di poco conto nel salto di qualità di una società, quella granata, che nei primi due anni di B un po’ per scelta, un po’ per causa altrui ha navigato a vele basse. Ora bisogna necessariamente svoltare.

Allestire una squadra competitiva ed all’altezza della piazza di Salerno. Anche sui numeri si potrebbe dire tanto. Salerno ha portato all’Arechi una media di quasi undicimila spettatori. Benevento, eccezion fatta per gli spareggi play off e la finale con il Carpi ha fatto registrare la metà degli spettatori. Per non parlare di Spal, Carpi, Cittadella e Spezia realtà agli ultimi posti nella speciale classifica del tifo.

Ecco perchè bisogna proporre per la prossima stagione un programma serio ed ambizioso. Scelte chiare e nette per alimentare la passione e la voglia di riscatto di una tifoseria che chiede, a giusta ragione molto ma molto di più ad una società che ha fatto molto finora ma non abbastanza per completare l’opera di riscatto del calcio salernitano.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

17 COMMENTI

  1. Ah ma fate 10mila spettatori a partita?
    Allora meritereste la Champions ogni anno.
    Lo volete capire che nel vostro DNA c’è solo la legapro?
    La storia dice che ogni 75 anni fate un campionato di serie A.Forza che ne mancano solo 50.

  2. E i salernitani farebbero meglio a seguire il Napoli ed il Benevento per imparare come sono i veri tifosi, come è fatta una vera squadra e come si gioca il vero calcio.

  3. Gentile Anonimo NA, cosa dovremmo imparare dai tifosi del Napoli come Lei?
    Ad andare a commentare bacheche delle squadre che reputate inferiori?
    L’unica cosa che possiamo imparare da Lei, è come NON comportarsi.
    Cordialità

  4. Anonimo Na e anche quest’anno zero tituli e terzo posto, dai che l’anno prossimo le milanesi vi sorpassano pure!!!

  5. napulill sei pregato di seguire l’ercolanese.. per imparare le basi primordiali la lega pro vi aspetta

  6. Auguri sinceri al Benevento in A e fate una squadra per rimanerci…
    noi vi seguiremo l anno prossimo

  7. Ho i miei seri dubbi che una squadra come la Salernitana possa con la città che rappresenta ed i cittadini tifosi che ha approdare nuovamente in serie A.
    Al più l’anno prossimo potrà retrocedere in Lega Pro.
    Cordialmente

  8. La frustrazione eee vero caro anonimo napulill è una gran brutta bestia.Voi con i miliardi e una tifoseria enorme a stento siete 3 o 4 in serie A e se vi va bene ottavi di Champion, noi con una.società assente.siamo con dignità in B.Mi sa che i conti non tornano più a voi che a noi.In quanto a cittadini voi partite già con l’handicap,non c’è partita.

  9. Tu dici ? Ma mi sa che la quantità di invalidi (mentali) che c’è a Salerno non si trova in nessun’altra città italiana.
    E poi lo dici tu stesso con il tono del finto perbenista che sei e di cui sei rappresentante “Voi con i miliardi e una tifoseria enorme a stento siete 3 o 4 in serie A e se vi va bene ottavi di Champion, noi con una.società assente.siamo con dignità in B”
    Essere 3 (e non 4 come vorresti far credere tu) ad un punto dalla Roma è indice di una società matura con tifoseria matura con città vera alle spalle e con un presidente che ci crede pur riuscendo a fare bene gli interessi economici.
    Voi siete una piccola società nelle mani di uno squalo del calcio che di Salerno non se ne frega neanche per errore e che usa la vostra squadra per i soldi. Provate ad aprire gli occhi e liberatevi di questo losco personaggio e cercate di coinvolgere qualche vero imprenditore salernitano (che crede innanzitutto nel gruppo e nella città); lo so che è difficile trovare a Salerno un imprenditore ma sforzandovi ne troverete uno.

  10. sempre x l’anonimo napulicchio venditore di calzini pulcinellaro: 54 km Possono bastare per non doversi vergognare!!!!

  11. x Arechi_72
    Ma vedi che siamo noi a vergognarci di persone come te. Per tua informazione io non vendo calzini e non sono imbroglione come tu vuoi far credere. Sei solo invidioso e nascondi questa che è una malattia, che vi contagiate fra voi salernitani, dietro la parola napulicchio senza motivare le tue affermazioni o forse è meglio dire i tuoi vaneggiamenti.

  12. X arecchia 72
    Ma 72 sta per anno di nascita?
    Cioè a mument tien 50ann?
    Stai accis ò frat!

  13. Certo che questi metropoliti o pseudo tali che commentano qui sopra , se sono l’espressione del napoletano medio …… beh che dire……orgoglioso di essere salernitano.

  14. ch scuornnnnnnnnnnnnnnnnnnnn il benevento in serie a,i pisciasotti in b ahahahahahaahah vergogna…..

  15. Caro anonimo sei stato tu a cominciare a offendere la mia città e la tifoseria.Visto il vostro comportamento ( e non è la prima volta) teso sempre a offendere per cortesia andate a fare fastidio da qualche altra parte.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.