I fatti del giorno: mercoledì 14 giugno 2017

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
VASTO INCENDIO AVVOLGE TORRE GRENFELL A LONDRA
FIAMME HANNO ATTACCATO I 24 PIANI EDIFICO, TIMORI CROLLO

Un vasto incendio ha avvolto la Torre Grenfell in Latimer
Road, nell’ovest di Londra. Testimoni oculari dicono che le
fiamme hanno attaccato tutti i 24 piani dell’edificio e circa
200 vigili del fuoco sono impegnati nello spegnimento
dell’incendio. La notizia e’ riportata dalla Bbc on line. La
polizia ha detto che ”e’ in corso un’evacuazione”. due
persone sono state curate per aver inalato i fumi dell’incendio.
Secondo il giornalista Andy Moore della Bbc ci sono timori che
il grattacielo possa crollare.
—.

RENZI, NO DIALOGO CON D’ALEMA. PISAPIA RILANCIA PRODI
SINISTRA DISCUTE DI ALLEANZE. CINQUE STELLE BLINDANO DI MAIO

Archiviato il primo turno delle amministrative, si accende a
sinistra il dibattito sulle alleanze. ”L’ipotesi di dialogo con
D’Alema e’ negata dalla realta”’, dice Matteo Renzi. ”Serve un
centrosinistra largo, nessuno escluso” ribatte Giuliano
Pisapia. Si puo’ stare tutti ”insieme”, insiste l’ex sindaco
di Milano, con riferimento al nome del nuovo soggetto della
sinistra che terra’ a battesimo il prossimo primo luglio. Magari
con Romano Prodi a fare da federatore. Renzi guarda invece ora
ai ballottaggi delle comunali, ad alto tasso di incertezza: dopo
il ”pareggio” del primo turno saranno, afferma, una sfida ai
”rigori” con il centrodestra. I Cinque Stelle ripartono al
contrattacco e fissano l’obbiettivo di nove o forse 10 Comuni da
conquistare al ballottaggio. Intanto riconfermano la leadership
di Di Maio con un incontro istituzionale: il vicepresidente
della Camera vedra’ oggi i 27 ambasciatori Ue in Italia ed
esporra’ loro il programma di governo del Movimento.
—.

RAPINA IN GIOIELLERIA A PISA, TITOLARE UCCIDE UNO DI BANDITI
SPARA DOPO PRIMO COLPO MALVIVENTI. AVEVA SUBITO ALTRI FURTI

E’ finita nel sangue una rapina in gioielleria a Pisa. Uno dei
banditi e’ morto: a sparargli il titolare del negozio, Daniele
Ferretti, di 69 anni. In fuga almeno un altro malvivente o forse
due. In base alle testimonianze, i rapinatori sarebbero stati
armati. Uno di loro avrebbe sparato il primo colpo minacciando
la moglie del commerciante dandosi poi alla fuga. A quel punto
il gioielliere avrebbe reagito sparando e uccidendo l’altro
bandito. Non e’ la prima volta che il negozio, situato a ridosso
del centro della citta’, viene preso di mira dai rapinatori: nel
1999 Ferretti era stato anche accoltellato, finendo in prognosi
riservata.
—.

SINDACA RAGGI CHIEDE A PREFETTO MORATORIA ARRIVI MIGRANTI
NO A MENDICANTI IN METRO ROMA. CRITICO RENZI, MELONI PLAUDE

Dai migranti ai mendicanti in metropolitana, il Movimento 5
Stelle gioca la carta sicurezza a Roma. Dopo aver presentato il
piano per superare i campi rom in citta’, Virginia Raggi chiede
al Ministero dell’Interno di mettere un freno agli arrivi dei
migranti e ai nuovi centri accoglienza nella Capitale. La sua
posizione e’ messa nero su bianco in una lettera inviata al
prefetto Paola Basilone. ”Sono le classiche dichiarazioni a
presa in giro degli italiani” punta il dito il segretario del
Pd Matteo Renzi. Mentre per la leader dei Fratelli d’Italia
Giorgia Meloni ”il sindaco Raggi fa una cosa sensata”.
—.

DONNA UCCISA DA MARITO, PM RESPONSABILI CIVILI PER DELITTO
FEMMINICIDIO IN SICILIA. RISARCIMENTO DA PRESIDENZA CDM

Il Tribunale civile di Messina ha condannato la Presidenza del
consiglio dei ministri a risarcire 300 mila euro di danni
patrimoniali ai tre figli di Marianna Manduca, la donna
trentenne che venne uccisa 10 anni fa a coltellate a Palagonia,
in provincia di Catania, dal marito violento che aveva problemi
di droga. Nonostante la vittima avesse segnalato agli inquirenti
anche il progetto omicida del marito, che le aveva mostrato
persino il coltello con cui l’avrebbe uccisa, nessuno fermo’
l’uomo. I giudici hanno applicato la norma sulla responsabilità
civile dei magistrati, ritenendo che i pm che si occuparono del
caso, in servizio nella Procura di Caltagirone, non fecero
quanto in loro potere per evitare il femminicidio.
—.

CONTINUA CALO POPOLAZIONE ITALIA ANCHE CON AUMENTO STRANIERI
SCENDONO ANCORA NASCITE, SALDO TOTALE 2016 -76.000 UNITA’

Continua il calo della popolazione in Italia, e questo
nonostante i ”nuovi italiani”, cioe’ gli stranieri che
acquisiscono la cittadinanza italiana, siano in aumento. Il calo
interessa tutte le aree geografiche, ma e’ piu’ accentuato al
Sud e nelle isole. Allo stesso tempo, continuano a diminuire le
nascite. Prosegue dunque nel 2016 la diminuzione della
popolazione gia’ riscontrata l’anno precedente. Il saldo
complessivo e’ negativo per 76.106 unita’, determinato dalla
flessione della popolazione di cittadinanza italiana (-96.981)
mentre gli stranieri aumentano di 20.875 unita’. (Fonte ANSA).

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.