Presentazione a Salerno di “Vivà”, sulla figlia di Nenni morta ad Auschwitz

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Giovedì 15 giugno, alle ore 18.00, presso la Libreria Internazionale, in piazza XXIV Maggio (piazza Malta) a Salerno, sarà presentato il volume “VIVÀ. La figlia di Pietro Nenni dalla Resistenza ad Auschwitz”.

“Vivà” è la prima biografia su Vittoria, terzogenita di Pietro Nenni, scritta da Antonio Tedesco, Segretario generale della Fondazione Nenni.

Il saggio di 190 pagine ripercorre le tappe salienti della vita di Vittoria, chiamata Vivà: l’infanzia, l’esilio in Francia l’entrata nelle brigate partigiane fino alla deportazione nel campo di sterminio di Auschwitz dove morì di tifo nel 1943. Il padre venne a sapere della sua morte solo due anni dopo, a Liberazione avvenuta. A rivelarglielo fu un antico compagno e amico, quel Giuseppe Saragat con cui aveva condiviso i drammatici anni dell’esilio in Francia e le esperienze di ricomposizione della famiglia socialista all’estero, durante il ventennio fascista.

La tragica vicenda di Vivà viene descritta dall’autore Antonio Tedesco anche grazie a molti contenuti inediti, come le lettere che la donna scriveva al padre o alla sorella dal carcere e i documenti della Prefettura di Parigi, che rendono il testo avvincente e di grande interesse storico e culturale.

Del volume parleranno Massimiliano Amato, giornalista, della Scuola di Giornalismo dell’Università di Salerno, e Giovanni Sgambati, segretario regionale della Uil della Campania.

A tirare le conclusioni sarà lo stesso autore.

La presentazione è stata organizzata dalla Libreria Internazionale di Salerno, in collaborazione con la Uil Campania e la Fondazione Nenni, istituto di studi e di ricerca politica, storica e sindacale nato nel 1985. All’attività di ricerca, la Fondazione affianca un’intensa attività culturale: mostre, corsi di formazione, convegni, pubblicazioni. Il suo patrimonio bibliografico consiste in circa 24.500 volumi, specializzati nella storia dei movimenti operai e socialisti. L’archivio storico è composto dai Fondi: Nenni, Parravicini, Giugni, Pagliani, Solari, Ferri, Manfrin, Mercuri, Pellicani, Tamburrano, Tolloy, Gozzano. La sezione Periodici è composta da circa 350 tra periodici, riviste. Ricca la collezione di Opuscoli socialisti, circa 2.000.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.