Ridimensionare il progetto granata potrebbe essere rischioso

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Prende forma la nuova Serie B, che attende di conoscere solo il nome dell’ultima partecipante (alle Final Four dei Play off di Lega Pro il Parma ha battuto ai rigori e non senza polemiche il Pordenone ed ora attende la vincente di Alessandria-Reggiana). E sarà un campionato di altissimo profilo con Palermo, Pescara ed Empoli retrocesse dalla Serie A; Foggia, Cremonese e Venezia promosse dalla terza serie. Un campionato in cui le deluse della stagione 2016/17 (Bari, Perugia, Carpi, ma soprattutto il Frosinone e il Cesena) andranno a caccia di riscatto dopo un anno no.

Insomma, più che una Serie B, c’è la sensazione che la Salernitana sarà chiamata a disputare una sorta di A2. E’ vero che, in generale, un po’ tutte le società sono alle prese con questioni economiche (la nuova interpretazione della mutualità, dettata dalla modifica della Legge Melandri, spaventa i presidenti, che potrebbero chiedere una proroga da parte del governo), ma è anche vero che non tutti ridimensioneranno i loro progetti. La Salernitana, alle prese con un buco di un milione e mezzo di euro (per il secondo anno consecutivo) e chiamata a garantire l’iscrizione entro fine giugno (presentando una fideiussione da 800 mila euro), potrebbe dar vita ad una nuova politica, puntando sui giovani e liberandosi dei contratti più pesanti.

Quelli di Coda, Rosina, Zito, Della Rocca, Schiavi, gravano sulle casse granata in maniera non indifferente. Nel caso in cui arrivassero offerte vantaggiose, nessuno è da ritenere incedibile. La Figc, intanto, ha svincolato d’ufficio i giocatori del Latina, dopo il fallimento. Su qualcuno (Mariga, Bandinelli e Corvia) in passato la Salernitana ha fatto più di un pensierino, chissà che non possano fare al caso di mister Bollini, come pure alcuni elementi delle squadre retrocesse in Lega Pro (Urso e Vigorito del Vicenza, ma non solo). Sul fronte partenze, invece, il giocatore più richiesto è Donnarumma: l’ex del Teramo, che è a scadenza, piace all’Empoli del suo mentore Vivarini, l’Avellino ha già formulato un’offerta al suo procuratore (triennale), ma i club interessati dovranno trovare prima l’accordo con la Salernitana.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Effettivamente,se escludiamo dalla Serie A le grandi (Juve,le 2 milanesi,le 2 romane ed il Napoli),il prossimo campionato di serie B sicuramente è al pari (quasi)alla serie A.Veramente difficilissimo,ci sarà da lottare,non per il vertice,ma per non retrocedere,e guardando le prossime partecipanti sarà un grande traguardo soprattutto vedendo come si sta attrezzando la Salernita……..preghiamo

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.