Mercato: non esistono intoccabili tra i calciatori granata

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Tutti sono importanti, nessuno è indispensabile. Soprattutto se per il secondo anno consecutivo la società chiude il bilancio d’esercizio pesantemente in perdita. Lotito e Mezzaroma con le loro dichiarazioni “incrociate” hanno tracciato la strada. E, per la verità, hanno creato più di un pizzico di malcontento sia tra i tifosi (i quali hanno la sensazione che alle viste ci sia un ridimensionamento del progetto invece che un rilancio) sia tra i calciatori della rosa.

Il procuratore di Rosina è stato il primo ad uscire allo scoperto, facendo comprendere che al suo assistito non sono piaciuti determinati giudizi espressi dalla società. Ma è evidente che Lotito prima e Mezzaroma poi abbiano voluto lanciare dei segnali precisi: i calciatori che hanno in essere contratti pluriennali (con ingaggi pesanti) devono dare di più e, magari, venire incontro alle esigenze della società (che deve fare sacrifici per onorare gli stipendi con puntualità). E’ però difficile immaginare che ci siano giocatori disposti ad accettare decurtazioni dell’ingaggio. Più facile, allora, è che qualcuno possa cercare una nuova sistemazione.

Se piazzare Rosina (e il suo robusto contratto fino al 2020) sembra una mission impossible, più facile potrebbe essere trovare una nuova collocazione ad altri elementi (Zito in particolare, sebbene pure il suo procuratore abbia ricordato che il mancino non ha nessuna intenzione di cambiare aria). Ci sono poi elementi che hanno il contratto in scadenza nel 2018 ed ai quali la società non sembra intenzionata a proporre alcun rinnovo: Donnarumma, Della Rocca, Schiavi, forse anche Joao Silva, sono da considerarsi sul mercato (anche perchè a gennaio si corre il rischio di perderli senza ricavarci il becco di un quattrino).

Le trattative per i rinnovi di Tuia e Bernardini (anche loro hanno solo un altro anno di contratto), invece, per il momento non sembrano aver portato risultati concreti. Mentre all’inizio della prossima settimana, Sprocati e Busellato dovrebbero diventare a tutti gli effetti dei calciatori della Salernitana. Insomma, quella che sembrava una solida base da cui ripartire per la stagione 2017/18 potrebbe non essere tale e, nel nome delle esigenze di bilancio e dello svecchiamento della rosa, si potrebbe assistere ad una nuova rivoluzione. Se un simile processo deve partire, sarebbe il caso di farlo prima del ritiro, per non correre il rischio di lavorare con un organico nel corso del romitaggio estivo e di arrivare all’inizio delle ostilità con tutta un’altra squadra.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.