Castellabate, il mare più pulito. Arrivano le 5 vele di Legambiente

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Legambiente e Touring Club Italiano questa mattina, venerdì 16 giugno, a Roma hanno consegnato al Comune di Castellabate il massimo riconoscimento per la costa: le 5 vele. Quest’anno la modalità di valutazione è stata allargata ad interi comprensori che coinvolgono più comuni, in considerazione dell’abitudine sempre più frequente per i vacanzieri di non limitarsi ad un unico confine amministrativo ma di spostarsi frequentando più località costiere nel corso del soggiorno. Castellabate ricade nel comprensorio Sud Cilento, premiato con 5 vele nella Guida Blu 2017.

“Il mare più bello – Guida Blu 2017” presentata da Legambiente e Touring Club Italiano rappresenta un vero e proprio vademecum per l’estate, che raccoglie una selezione di oltre 350 centri costieri italiani, scelti in base a criteri principalmente ispirati alla qualità dell’ambiente e alla buona gestione del territorio. Castellabate dal 2012 aveva ottenuto e custodito le 4 vele Legambiente, conquistando una vela in più rispetto agli anni precedenti per la pulizia delle acque e i servizi delle spiagge. A ritirare il prestigioso vessillo, presso la sede di RomaNatura, il Vice Sindaco Luisa Maiuri:

«Una grande emozione poter rappresentare e fornire la testimonianza di un territorio come il nostro, che ha puntato su nuove forme di turismo, legate non solo alla bellezza ma anche ad un’offerta turistica di qualità». Soddisfatto il Sindaco Costabile Spinelli: «Era una nostra ambizione arrivare alle 5 vele, un risultato che ci appaga del grande lavoro fatto per mantenere alto il livello di qualità del nostro mare e per tutelare la natura».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Ormai possiamo seriamente dubitare sulla veridicità di questi premi ambientali. Ma come un paesino che in estate aumenta a dismisura la propria popolazione, con un depuratore del tutto obsoleto e insufficiente e che reinvia in mare al largo l’eccesso di produzione, zone di terrirorio non coperte da rete fognaria e le vele aumentano?Mah……….

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.