Sotto effetto di droga travolge e uccide una donna: ecco cosa rischia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
Stavolta la fiction che lo ha visto protagonista più volte in serie crime come ‘Non Uccidere’, o in film di grande impatto emotivo come ‘Acab – all cops are bastards’, non c’entra. Domenico Diele, volto emergente del cinema e della tv dovrà rispondere di omicidio stradale aggravato dopo aver investito e ucciso la notte scorsa una donna di 48 anni nel Salernitano, dove l’attore, che è stato arrestato, è impegnato nelle riprese del prossimo film di Marco Ponti ‘Una vita spericolata’. Un titolo che si è rivelato quasi un presagio visto quello che è successo.

La sua posizione è aggravata dal risultato positivo del drug test. Inoltre non poteva guidare: gli era stata ritirata la patente sempre per un problema legato all’assunzione di sostanze stupefacenti. Il Corriere spiega: 

Viaggiava a bordo della sua auto,sull’autostrada Salerno-Reggio Calabria, verso la Capitale. Solo che il suo volto non è di quelli che passano inosservati:è il poliziotto delle fortunate serie «1992» e «1993» andate in onda su Sky, uno degli attori emergenti del cinema e delle fiction italiane, dopo il successo di «Acab», il film diretto da Stefano Sollima. In un attimo, alle due di notte, quasi allo svincolo di Montecorvino Pugliano in provincia di Salerno,uno schianto ha segnato il destino di entrambi. Diele, che viaggiava a velocità sostenuta con la sua auto, ha tamponato lo scooter e sbalzato in aria Ilaria Dilillo.

La donna è ricaduta prima sul parabrezza dell’autovettura e poi è stata scaraventata a terra. Morta sul colpo, nonostante avesse il casco ben allacciato. Il motociclo, a causa del forte urto, è stato poi ritrovato a diverse decinedi metri dal luogo dell’incidente.L’attore solo dopo l’impatto è riuscito a frenare la corsa della sua auto.

Si è fermato e, in evidente stato di choc, ha tentato di prestare soccorso alla vittima. Inutilmente. Qualche minuto dopo sono arrivate una pattuglia della polizia stradale di Eboli e un’ambulanza del 118. Gli agenti hanno messo in sicurezza la zona mentre i sanitari, dopo aver constatato il decesso della signora, hanno trasportato Diele in ospedale.

E qui l’attore è stato trovato positivo al test antidroga. Nel suo sangue tracce di hashish e cocaina, ma in auto i poliziotti avevano già trovato una pallina di polvere bianca e un pezzo difumo. Ai polsi di Diele sono subito scattate le manette: arrestato con l’accusa di omicidio stradale aggravato e portato in carcere a Salerno.

Agli agenti che lo scortavano in cella è riuscito soltanto a dire: «Non l’ho vista». Col passare delle ore, però, la situazione del protagonista di film e fiction è diventata addirittura più grave. L’uomo, infatti, si era messo alla guida nonostante avesse avuto la sospensione della patente.

Che gli era stata bloccata la prima volta nel 2009, proprio perché trovato positivo a un test antidroga mentre era al volante. Diele, qualche anno dopo, aveva nuovamente ottenuto il permesso di guida. Sospeso ancora nel dicembre del 2016. E sempre per un problema legato all’assunzione di sostanze stupefacenti. Domani, a Salerno, è prevista l’udienza di convalida dell’arresto.

Sempre sul Corriere l’avvocato milanese Jacopo Pensa spiega cosa rischia Domenico Diele:

Diele ha travolto e ucciso una donna in auto sotto l’effetto di stupefacenti e con la patente sospesa. Quanto rischia?

«Con la nuova legge lapena va da 8 a 12 anni. Che sono aumentati fino a un terzo nel caso in cui il conducente abbia la patente revocata o sospesa».

Il massimo della pena alla quale potrà essere condannato è dunque di 16 anni?

«Sì, però bisogna tener conto che se opta per il ritoabbreviato, cosa molto probabile, avrà diritto allo sconto di un terzo. Potrebbe ottenereun’ulteriore riduzione risarcendo il danno».

Fra quanti anni potrà uscire?
«Nella migliore delle ipotesi, cioè se ci sarà la buona condotta eccetera, può usufruire dei primi permessi premio fra cinque anni. Dopo altri due anni avrà la possibilità di chiedere l’affidamento in prova ai servizi sociali e uscire definitivamente dal carcere».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. STATE TRANQUILLI CHE DOMANI MATTINA,VA’AGLI ARRESTI DOMICILIARI,TRA UN MESE È GIÀ LIBERO.QUESTA LEGGE BUONISTA È UN ALTRO REGALO DEL GRANDE GOVERNO RENZI,UNA LEGGE TRUFFA,TRA TUTTE LE SCAPPATOIE CHE PERMETTE.MENTRE IL BUGIARDO SERIALE(RENZI),LA SPACCIAVA PER LA LEGGE CHE AVREBBE DATO GIUSTIZIA ALLE FAMIGLIE DELLE VITTIME DELLA STRADA!!!!!
    PURTROPPO,IL DOLORE E LA BEFFA DA SOPPORTARE È SOLO PER LA FAMIGLIA DI QUESTA SFORTUNATA DONNA,CHE HA INCROCIATO QUESTO BASTARDO SULLA PROPRIA.IL DESTINO,NON HA VOLUTO CHE QUESTO BASTARDO,SFONDAVA UN GUARDA RAIL E FINIVA DENTRO UN BURRONE DELLA SA-RC,TOGLIENDECELO DALLE PALLE PER SEMPRE,SENZA PROCESSI.

  2. Questo pezzo di merda doveva schiantarsi lui contro un palo,senza coinvolgere gente innocente.Stronzo mille volte.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.