Lotito all’Antimafia: «Ricevo 7-8 minacce ogni giorno»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
“Tra consenso e legalità ho scelto la seconda, non sono mai sceso a patti.

Oggi ritengo sia stata una scelta giusta che può essere perseguita da tutti. Certo, ricevo ancora oggi minacce telefoniche, anche sette-otto al giorno”.

Lo ha detto il presidente della Lazio Claudio Lotito, davanti alla Commissione Antimafia. Lotito ha raccontato che quando è arrivato, in passato, “ho subito situazioni pesanti, camion con sterco di cavallo davanti casa, intimidazioni, affissioni, minacce; questo ha prodotto evoluzioni di carattere giudiziario.
Sono abituato a vivere con serenità queste situazioni; pensavano che assumessi un atteggiamento più morbido, io ho sempre detto in Tribunale come stavano le cose”. “Ora la tifoseria si comporta in modo corretto, sa che se sbaglia non c’è storia per nessuno”, ha concluso.

Ecco le dichiarazioni di Lotito nell’audizione davanti alla Commissione Antimafia: «Mai sceso a patti: tra il consenso e la legalità ho sempre scelto la legalità. Credo che sia la scelta migliore e tutti possono seguirla. Certo, a tutt’oggi ricevo al telefono minacce. Quando sono arrivato ho passato brutti momenti, come ad esempio camion di sterco davanti casa, intimidazioni e minacce. Il tutto ha avuto conseguenze giudiziarie, sono abituato ad attraversare queste situazioni con serenità.

Pensavano che mi ammorbidissi, ma il Tribunale ho sempre raccontato le cose come stanno. Ora la tifoseria di comporta correttamente. Quando sono arrivato mi fu detto di incontrare la tifoseria. Rimasi perplesso ma si presentarono tre soggetti: uno si presentò come Diabolik, e risposi di essere l’ispettore Ginko. Mi ha fatto capire come funzionava, dai biglietti omaggio alle trasferte pagate, alle coreografie. Io non collaborai così iniziarono i problemi, a partire dallo sterco di cavallo, affissioni, minacce».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Chi fa quelle minacce anonime vale meno di un coniglio e visto che fino a mo sei vivo e chiatto caro lotirchio direi che non sono da considerare ma vorrei sapere, se per caso uno incazzato va da Uomo e gli da un cazzotto in faccia, che succede? si difende da uomo o la signorina si fa difendere da qualche polizziotto, guardia del corpo o avvocato? Chiedo perchè questo signore forse ha bisogno che qualcuno lo faccia scendere dal piedistallo, altro che minacce.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.