Tanti salernitani al mega concerto di Vasco Rossi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Oltre 220 mila persone hanno affollato ieri sera il Modena Park per assistere al concerto di Vasco Rossi.

Il rocker ha festeggiato i 40 anni di carriera davanti a quella che è diventata da ieri sera la platea più affollata di sempre. Oltre tre ore di musica attraverso i suoi più grandi successi. “Questo – ha detto il Komandante dal palco – è un concerto contro la
paura”.

Tra la folla tanti salernitani che con selfie e video hanno documentato la loro presenza al concerto evento.

La prima parte dello show è tutta dedicata agli anni Ottanta. E così ecco Alibi e Blasco Rossi, che diventa una carrellata di live e foto della combriccola da 40 anni ad oggi, tutta d’un fiato in poco meno di 5 minuti. Un tunnel del tempo da percorrere all’indietro. E’ la storia che riavvolge il nastro e riparte dall’inizio. Vasco non è più lo stesso, ed è giusto così, ma le sue canzoni sono ancora qui, colonna sonora di almeno due generazioni, o forse tre.

E’ una festa unica e allora il padrone di casa si permette anche il lusso di inserire in scaletta anche brani mai inseriti, come Il tempo crea eroi. Ma alla festa ha invitato anche gli amici di sempre, come Gaetano Curreri che si mette al piano e dopo aver accennato Jenny, Silvia, il singolo del 1977 da cui parte la lunga storia di Vasco, e La nostra relazione, suona Anima Fragile.

Dopo gli Ottanta è la volta dei Novanta: Gli spari sopra, Stupendo, Vivere. A far da ponte ci pensa Liberi Liberi, che raramente il Komandante mette in scaletta. Gli altri ospiti sono i chitarristi Maurizio Solieri e Andrea Braido, il primo a rappresentare gli anni Ottanta con la Steve Rogers Band, il secondo i Novanta, quando il rock diventa la cifra stilistica più riconoscibile del Blasco. Un duello di chitarre, oltre il tempo.

Su Rewind è topless-mania, con decine di ragazze che slacciano i reggiseni (molti con la scritta Fammi godere) e li lanciano sul palco, mentre su Non mi va lo sberleffo a Carlo Giovanardi. C’è anche il tempo, prima de Gli Spari sopra, di invitare il pubblico a non aver paura, a non cedere al terrorismo: «Questo è un concerto contro la paura».

Il presente si inserisce nella terza parte, preceduto da un intenso momento acustico: Siamo Soli a I Soliti, fino a Sono innocente ma, Un mondo migliore e l’ultima hit Come nelle favole. Sally, Un senso, Siamo solo noi e Vita Spericolata per i bis. E Albachiara come da tradizione per la chiusura, tra i fuochi d’artificio e il saluto al cielo, all’amico Massimo Riva, ancora e sempre presente, ieri sera più che mai.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.