Agguato a Salerno: ecco chi è Ciro D’Onofrio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
E’ il regolamento di conti l’ipotesi più accreditata su cui indagano le forze dell’ordine dopo l’agguato di ieri sera a Pastena in cui è stato ucciso Ciro D’Onofrio. All’arrivo dei soccorsi (Croce Bianca e Humanitas) per l’uomo non c’era più nulla da fare: sembra, infatti, che il 35enne di Matierno sia morto ancora con il casco in testa.

A quanto pare la vittima ha raggiunto il luogo in cui è stato ucciso a bordo di un motorino Free di colore blu: appena sceso, senza neanche aver tolto le chiavi da vicino al quadro dell’accensione, è partita una scarica di colpi di arma da fuoco. D’Onofrio, che si era sposato un mese fa, sin da giovanissimo (poco più che ventenne) fu coinvolto in un blitz antidroga che non gli portò una grossa condanna, essendo stato assolto da una serie di reati fine ma, negli anni successivi, fu anche arrestato più volte sempre per spaccio di droga. Per questo motivo le indagini sulla sua uccisione si stanno concentrando proprio nell’ambito dello spaccio di sostanze stupefacenti sebbene, al momento, nessuna pista rimane esclusa.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. Salerno città europea ,ISOLA FELICE della Campania,crimine out con l’arresto di pericolosi e famigerati parcheggiatori abusivi…………..oh,guarda,un ciuccio che vola!

  2. Per Anonimo;
    La figura Mitologica dell’anonimo, colui che non ha altro da fare che distribuire al mondo le sue Perle di Saggezza, colui che crede, che le cose accadono solo dove Lui risiede, colui che il suo massimo viaggiare è stato “for o mercatiell”, carissimo Saggio ANONIMO, mi dica, nel resto dell’europa queste cose non accadono? Prima di aprire quella saggia bocca può accendere il cervello? Non costa nulla un dono della Natura!

  3. Infatti caro Matteo, anonimo, sarà anonimo per tutta la vita, perché alla fine non avendo nulla su cui argomentare, tranne che scrivere qualche caxxata senza senso,anonimo resterà per tutti!….se forse invece di scrivere anonimo avrebbe scritto cogli…one per lo meno dava un senso alla sua vita da rintanato in casa, anzi nelle mutande

  4. Anonimo o non anonimo, il fatto è che quando si parla di criminalità a Salerno vi brucia il sederino, invece di stare a guardare l’anonimato o meno dovreste avere l’onestà intellettuale di riconoscere che anche Salerno ha la sua criminalità e che Salerno non è Ginevra o Zurigo ma una normale città media del sud Italia dove, da Napoli a Palermo, la società in cui viviamo è uguale per tutti.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.