Mattarella inaugura il robot che combatte i tumori installato da ditta del Vallo di Diano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Si è tenuta il 28 luglio all’Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena” di Roma, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, l’inaugurazione del CyberKnife, un sistema robotizzato unico per potenzialità nel trattamento dei tumori, installato da AB Medica Spa, grazie alle infrastrutture edilizie e tecnologiche realizzate da Proeditec, un consorzio d’imprese del Vallo di Diano, nato dalla fusione di Itec Progettazioni di Massimiliano Greco, della ditta Marmo Costruzioni Generali di Pietro Marmo e dalla società Navarra Tecnoclima di Alfonso Navarra.

I tre professionisti del Vallo di Diano, dopo aver raggiunto altissimi traguardi lavorativi, hanno creduto in un progetto comune, tanto da creare un gruppo in grado di realizzare anche infrastrutture importanti e delicate come nel caso del CyberKnife.

Il consorzio opera in tutti i settori dell’impiantistica (civile, industriale, sanitario, scolastico e commerciale) e sviluppa soluzioni tecnologiche innovative anche di fronte ai casi più complessi, come nel caso del CyberKnife, un dispositivo elettromedicale tecnologicamente avanzato utilizzato per debellare forme tumorali, ideato nel 1997 dal neurochirurgo statunitense John Adler, professore di neurochirurgia e radioterapia presso la Stanford University e sviluppato dall’azienda Accuray.

Il sistema robotico, come quasi tutti gli apparecchi per radioterapia, necessita di un bunker con specifiche tecniche che garantiscano un livello di sicurezza adeguato degli utenti e dell’area sanitaria. Il compito di realizzare il bunker e le relative tecnologie è stato affidato dalla società AB Medica Spa al consorzio valdianese Proeditec.

L’importanza di questo sistema robotico, unico nel servizio pubblico italiano, è stata sottolineata dallo stesso Presidente della Repubblica nel corso dell’inaugurazione tenutasi il 28 agosto all’Ifol di Roma: «E’ fondamentale garantire ai cittadini interventi sanitari e terapeutici e capacità di ricerca adeguate e moderne».

Una bella soddisfazione per i tre tecnici valdianesi, Massimiliano Greco, Pietro Marmo e Alfonso Navarra che, grazie alla loro professionalità, hanno realizzato le infrastrutture tecnologiche collegate al CyberKnife.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.