Puzzo nauseabondo a Battipaglia: interviene anche Iniziativa Popolare

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Città invasa dal puzzo nauseabondo. Ormai, l’olezzo è diventato una caratteristica del territorio. Come il pomodoro doc, la mozzarella, i prodotti della quarta e quinta gamma, le fragole etc… etc… Gli abitanti del quartiere S. Anna, del rione Taverna, di Filigalardi, del centro urbano (stazione ferroviaria), di Viale della Libertà: di notte e di giorno vengono “maltrattati” dalla puzza insopportabile. Non vi sono dubbi sulla zona di provenienza. Il focolaio dei miasmi è nel raggio della zona industriale, al centro del confine tra Eboli e Battipaglia. Sono circa 20mila abitanti ad essere stati sequestrati dalle molestie olfattive.

Il sindaco del Comune di Battipaglia comunica – a mezzo stampa – di aver avuto incontri, di aver fatto sopralluoghi, di aver esposto la questione all’Arpac, alla Procura della Repubblica e ai Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico. Ma la puzza persiste e, dunque, non resta altra strada – secondo la sindaca di Battipaglia – di costituire un comitato e fare una protesta contro la lentezza della burocrazia.

La prima cittadina deve dare incarico ad un esperto del settore ambientale, fare le dovute indagini, per ricercare le cause ed individuare i responsabili dell’olezzo nauseabondo (oggi molestie olfattive). Contemporaneamente far convocare un tavolo di ordine e sicurezza pubblica dal prefetto di Salerno, con la partecipazione anche del sindaco del Comune di Eboli, dei Carabinieri, della Polizia Locale, delle Fiamme Gialle, della Polizia di Stato, della Provincia, della Regione e dell’Arpac.

In caso di boicottaggio burocratico resta, nelle mani del sindaco, la prerogativa d una Ordinanza contingibile ed urgente, per ragioni di igiene e sicurezza dei propri abitanti (ex art. 54 TUEL). Il diritto alla salute dei cittadini è diritto costituzionalmente garantito, diritto primario; pertanto, meriterebbe di essere maggiormente tutelato. Battipaglia dovrebbe avere una stazione di monitoraggio ambientale quotidiana, per il peso ambientale che sopporta (Stir, aziende private di smaltimento rifiuti, Impianto di Compostaggio nel comune di Eboli, gas e prodotti chimici utilizzati in agricoltura, inquinamento da scarichi fognari e dai gas di scarichi delle auto).

Iniziativa Popolare – Avv. Carmine Galdi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.