Ubriaco con smartphone in mano tampona e uccide 31enne

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Non solo guidava in stato di ebbrezza ma si era distratto per guardare il cellulare. Così ha provocato un incidente stradale nel quale è morta una persona. Per questo, con l’accusa di omicidio stradale aggravato, il pm di Milano Sara Arduini ha chiesto la convalida dell’arresto e la misura della custodia cautelare in carcere per un peruviano di 34 anni che a Milano, al volante di un van, ha tamponato a velocità sostenuta una Mini Cooper d’epoca ferma al semaforo rosso uccidendo un avvocato di 31 anni.

L’incidente stradale è avvenuto ieri, ma il pm dopo averne accertato l’esatta dinamica ha disposto oggi per l’uomo la custodia cautelare in carcere. L’automobilista peruviano ha già un precedente per guida in stato d’ebbrezza con conseguente ritiro della patente.

Ieri poco prima delle nove, sotto i fumi dell’alcool e distratto dal cellulare mentre guidava un van da nove posti, si è schiantato contro una Mini d’epoca ferma al semaforo rosso, uccidendo il giovane avvocato che era alla guida e che era in attesa che scattasse il verde. Il professionista, Luca Andrea Latella, laurea in Bocconi, legale all’Eni, è morto per le gravi ferite riportate nell’urto. Il peruviano, risultato positivo all’alcol test (1.5 è il tasso rilevato) è stato prima portato a Niguarda per essere medicato, poi a San Vittore. Oggi il pm ha confermato per lui la custodia cautelare in carcere.

Fonte www.leggo.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Beh, con tutto il rispetto, non penso sia giusto tenerlo in carcere…sempreche’ la giustizia sia uguale per tutti. Che gli mettessero un braccialetto e lo mandassero a casa magari da qualche sua zia, nonna o affine, cosi’ come hanno fatto con quel tizio che poche settimane fa guidava a forte velocita’, sotto l’effetto di stupefacenti, intento contemporaneamente anche a intrattersi al cellulare, e che per questi motivi ha travolto uccidendola una povera ragazza che tornava a casa sul suo scooter. ma, ripeto, sempreche’ la giustizia sia uguale per tutti.

  2. Braccialetto elettronico e via,pronto a guidare ubriaco drogato,e mi raccomando non storcete il naso cari i miei PERBENISTI di sta’ mincxxa,perché in questo paese-circo governato da una politica di merda che ci ha praticamente ROVINATI,succede questo e altro.
    P.s.
    Ricordate L’OMICIDIO commesso da Diele sulla Salerno-Reggio?

  3. se la legge italiana fosse più seria,questi elementi dovrebbero marcire a vita in galera:non appena fuori fanno altri danni.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.