Moto contro palo, muore chef 28enne a Trani

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Un centauro di 28 anni, Raffaele Casale, è morto la notte scorsa dopo che la moto che guidava si è schiantata contro un palo dell’illuminazione pubblica a Trani, in zona Capirro.

Il giovane, originario della Campania, lavorava come chef in un ristorante di Trani ed aveva all’attivo collaborazioni con noti maestri di cucina. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e agenti del commissariato di polizia di Trani che dovranno stabilire la dinamica dell’incidente.

Raffaele Casale era arrivato in Puglia poco meno di due anni fa. Era passato da Villa Crespi, il ristorante (premiato con due stelle Michelin) guidato dal masterchef Cannavacciuolo, che lo aveva accolto per uno stage. Il grande cuoco ne aveva riconosciuto le qualità, confermandone il ruolo al suo fianco per altri due anni. Casale era poi passato anche dalle cucine di Moreno Cedroni alla Madonnina del Pescatore di Senigallia. Poi aveva indossato i panni di braccio destro di Gaetano Trovato, lo chef dello storico ristorante Arnolfo a Colle Val d’Elsa in provincia di Siena. Di due stelle in due stelle.

Grandi cuochi e la difficile impresa di stare al loro passo, seguendone ritmi e orme. Poi l’incarico affidatogli alle Lampare al Fortino dai patron Antonio Del Curatolo e Pasqua Fiorella. La prima volta alla guida di una cucina nei panni di titolare, prendendo in carico la mission di dare dignità e identità a una cucina in cerca d’autore e in una terra che non era la sua. Raffaele Casale aveva affondato il naso nel paniere dei prodotti pugliesi, imparando a riconoscere odori e corpo delle materie prime e a distinguere fra i produttori.

E nei giorni di riposo faceva regolarmente visita alla mensa di Pietro Zito, l’anima di Antichi Sapori a Montegrosso di Andria, pietra angolare della cucina tradizionale pugliese.

In tasca, un paio di certezze legate strette alle sue origini: le grandi paste campane, i pomodori, le nocciole irpine. E il ‘pane cafone’. Insieme con le tecniche rubate ai maestri e da mettere a frutto: rigettandone alcune, replicandone altre, fino a imboccare la sua rotta personalissima. Avrebbe compiuto 29 anni il 27 marzo.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.