Barcellona: ecco chi è Bruno Gulotta ucciso mentre era in ferie con la famiglia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Bruno Gulotta è morto nell’attentato di Barcellona. E’ stato travolto e ucciso sulla Rambla dal furgone bianco guidato da un terrorista ancora ricercato dalla polizia catalana. nel cuore di Barcellona.

Bruno Gulotta, trentenne originario di Legnano, Milano, era a Barcellona lì in ferie, insieme con la sua compagna e con i due figli.“

C’è un trentacinquenne di Legnano esperto di informatica tra i mortiu dell’attentato del 17 agosto a Barcellona. Nella notte, infatti, hanno lavorato diverse equipe di medici forensi per le autopsie e l’identificazione delle 13 vittime dell’attacco della Rambla, come ha riferito la Generalitat. I medici dell’Istituto di medicina legale e scienze forensi del Ministero della giustizia lavorano all’identificazione dei corpi arrivati nella Ciudad de la Justicia.

Bruno Gulotta ricordato dai colleghi di Tom’s Hardware 

«I terroristi hanno ucciso l’amico e collega Bruno Gulotta, responsabile marketing e vendite diTom’s Hardware. Oggi per noi è giornata di lutto. Ci stringiamo tutti con affetto alla compagna Martina e ai due figlioletti di Bruno». È affidato al country manager di Tom’s Hardware per l’Italia, Roberto Buonanno, il ricordo del giovane di Legnano che ha perso la vita. Sulla morte mancano ancora conferme ufficiali.

Bruno «è stato travolto e ucciso da un infame terrorista» nel cuore di Barcellona, dove si trovava in ferie con la sua famiglia. «È una tragedia che ci colpisce sotto tanti aspetti», si legge nel messaggio di cordoglio. «Ci immedesimiamo nella compagna Martina, che con la forza di una giovane mamma si troverà davanti prove che nessuno dovrebbe mai sostenere.

Ci mettiamo nei panni del piccolo Alessandro, che si prepara a iniziare le scuole elementari con la consapevolezza che la vita sua e della famiglia non sarà più la stessa. E poi pensiamo alla piccola Aria, che non ha negli occhi la scena tremenda ma che non conoscerà mai il suo papà», si legge ancora. Non manca il racconto del giovane di legnano: «Bruno era un punto di riferimento per tutti quelli che lo hanno conosciuto. Per noi di Tom’s Hardware era una colonna portante».

Un lettore «insaziabile e un avido ricercatore della perfezione», una persona «veramente generosa e di cuore che riusciva a condurre una ricca vita familiare e una brillante carriera professionale con un equilibrio che gli invidierò sempre».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.