Stipendi più alti a manager Asl campane: la Uil Fpl salernitana boccia la Regione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Stipendi più alti ai manager delle Asl campane, la Uil Fpl salernitana boccia la delibera della Regione e scrive al ministro Lorenzin. Il sindacalista Biagio Tomasco “Provvedimento inaccettabile. Non conosciamo i risultati finora raggiunti dai manager e c’è scarsa trasparenza sulle remunerazioni attuali. Al “Ruggi” di Salerno la questione trasparenza è ferma dal 2013”. La Uil Fpl Salerno definisce “inaccettabile” la delibera della Giunta regionale della Campania per l’adeguamento della remunerazione dei direttori generali delle Asl campane. In una lettera inviata al ministro Beatrice Lorenzin, titolare del dicastero della Sanità, è Biagio Tomasco a smontare punto per punto l’atto politico ratificato lo scorso primo agosto.

“Non si è contrari al principio della remunerazione adeguata ai direttori generali in quanto effettivamente la stessa risultasse troppo bassa rispetto alle responsabilità ascritte in capo agli stessi, ma la stessa retribuzione dovrebbe essere agganciata a criteri di valutazione intellegibili e cristallini, facilmente riscontrabili all’utenza ed agli operatori stessi”, ha detto il sindacalista della Uil Fpl provinciale. Secondo il rappresentante dei lavoratori, in riferimento ai criteri di valutazione sopra emarginati, non si comprenderebbe quale sia il risultato raggiunto dai direttori generali delle Asl campane, poiché di tali risultati non vi sarebbe la dovuta informativa e nemmeno la pubblicazione sui siti web istituzionali delle relative Aziende.

Il criterio adottato per allineare detti emolumenti, ovvero portarli alla stregua di quelli di altri dirigenti di struttura apicale, con particolare riferimento a quelle di dipartimento, fa sorgere spontanea la riflessione per cui ci si chiede come mai possano essere erogati emolumenti di molto superiori a quelli del direttore generale e che in alcuni casi sfiorano e superano i 300mila euro”, ha continuato Tomasco.

“Giova ricordare che alcune delle Asl inserite in prima fascia, in particolare quella di Salerno e l’Azienda Ruggi, non hanno ancora pubblicato gli emolumenti dei dirigenti operanti. Nel caso del Ruggi siamo fermi al 2013, nonostante che l’Anac nella seduta del 17 maggio scorso abbia ribadito che  l’obbligo di pubblicazione degli emolumenti complessivi a carico della finanza pubblica percepiti dai dirigenti, disposto dall’articolo 14, comma 1-ter, debba ritenersi non sospeso e, dunque, da rispettare”.

Per il sindacato un’altra questione non secondaria, almeno dal punto di vista dell’opportunità del provvedimento, è quella relativa per cui si aumentano le remunerazioni dei direttori generali giustificandole con gli obiettivi che sarebbero tenuti a perseguire, primo tra tutti il mantenimento e l’implementazione dei livelli essenziali di assistenza, ma contemporaneamente si continua a chiedere ai cittadini campani l’odiosa tassa del super ticket per la compartecipazione alla spesa sanitaria regionale.

“ Sempre in relazione agli obiettivi da raggiungere ci si dovrebbe spiegare il  perché delle lunghe liste d’attesa, l’orripilante fenomeno delle barelle nei Pronto soccorsi e nei reparti ospedalieri, sebbene sia stato dichiarato  in  pompa  magna  che  le  stesse  fossero  oramai  un  ricorso,  l’aumento  esponenziale delle Alpi, le attività libero-professionali in intramoenia, il ricorso massiccio a quote di lavoro straordinario per il comparto che sfiora limiti astronomici, il continuo depotenziamento del numero di posti letto degli ospedali pubblici. Appare evidente che qualche obiettivo non sia stato raggiunto”, ha spiegato Tomasco.

“Pertanto, come sindacato riteniamo che le motivazione addotte a sostegno del provvedimento adottato con deliberazione della Giunta regionale del primo agosto scorso, sia non solo socialmente inaccettabile, considerata l’attuale congiuntura economica in cui versa la popolazione della Regione Campania, ma anche iniquo poiché vada a premiare poche e selezionate professionalità a discapito di migliaia di lavoratori che con spirito di abnegazione e sacrificio continuano, tra mille difficoltà, a garantire una sanità pubblica che sebbene al collasso, dovrebbe rappresentare il faro dell’azione politica regionale, anche in considerazione di quanto più volte affermato, ovvero che avremmo assistito a qualcosa di eccezionale. Peccato che finora di eccezionale ci sia stato solo l’aumento delle retribuzioni”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.