Sindaco di Firenze urla per scherzo “Allah Akbar”, continua la polemica

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il sindaco di Firenze Dario Nardella al meeting di Comunione e Liberazione a Rimini ha salutato il primo cittadino di Venezia con la frase ‘Allah Akbar‘. Il video della gaffe è stato diffuso da repubblica.it. Il sindaco aveva intenzione di fare una battuta al suo omologo veneziano che è conosciuto per essere poco tollerante, ma la battuta non è riuscita. Il primo cittadino fiorentino si è scusato pubblicamente su Facebook dicendo che non era sua intenzione offendere nessuno. Purtroppo le reazioni non hanno tardato ad arrivare soprattuto sul web.

Anzitutto Tommaso Grassi, consigliere comunale di Firenze ripartea sinistra, ha chiesto le scuse. Giorgia Meloni ha diffuso un duro commento contro Nardella. Izzedin Elzir, imam di firenze e presidente Ucoii, in serata ha riferito che “è inutile dire che per noi Allah è grande ha ben altro significato che quello foriero di morte; ma sappiamo anche che non c’è nessuna ostilità da parte del sindaco e dell’amministrazione di Firenze verso la nostra comunità. Anzi, lo stesso Nardella ha fatto da ponte tra Ucoii e il sindaco di Venezia Brugnaro qui al meeting di Rimini”.

Francesco Torselli, capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio comunale di Firenze, chiede le dimissioni di Nardella. “In un paese normale, stasera stessa, il Sindaco di Firenze e quello di Venezia – fa sapere Torselli in una nota – si presenterebbero nei rispettivi comuni per rassegnare le dimissioni o quantomeno per chiedere scusa, in mondovisione, per la pessima figura fatta al Meeting di Rimini, dove sono stati ripresi mentre scherzano sugli attentati terroristici che stanno mettendo in ginocchio tutto l’occidente”.

“Non è accettabile – prosegue Torselli – vedere il sindaco di Firenze ridere come un bambino a cui è appena riuscito lo scherzo più bello del mondo, mentre grida ‘Allah Akbar’ al sindaco di Venezia, il quale, poco prima, aveva detto di voler sparare a chiunque urlasse quella frase nel centro della sua città. Loro scherzano, si divertono, giocano. Peccato che non si contino più le persone che, proprio dopo aver ascoltato quella frase, hanno perso la propria vita. Le ultime, pochi giorni fa a Barcellona”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.