Salerno: quartiere Mercatello in festa per l’arrivo di San Matteo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Festa grande a Mercatello per l’arrivo, ieri pomeriggio in piazza Monsignor Grasso della statua di San Matteo. Da tempo il quartiere – scrive il quotidiano Le Cronache oggi in edicola – si preparava una degna accoglienza del Snato Patrono che resterà in parrocchia sino a domani quando poi proseguirà la sua Peregrinatio a Matierno.

«I nostri tempi reclamano il “Convertiti e credi al Vangelo”. Non tradiamo la fede dei nostri padri e onoriamo le tradizioni cristiane che ci hanno trasmesso» aveva scritto monsignor Antonio Galderisi, parroco di Santa Maria a Mare nell’invitare i fedeli a radunarsi in piazza Monsignor Grasso. Invito accolto dai suoi parrocchiani che sono accorsi numerosi a onorare la presenza dell’Evangelista a Mercatello.

Una sorta di “passaggio di consegne” tra rioni amici quello di ieri sera: da Mariconda a Mercatello, il Santo Patrono di Salerno ha iniziato la sua Peregrinatio nella Zona Orientale. Dimenticata dall’Amministrazione, dagli spazzini, da falsi venditori di speranze e improvvisati acchiappapopolo ma mai da Dio e da chi lotta per renderla ogni giorno migliore.

I fuochi hanno rimbombato in lontananza dalla chiesa di Mariconda dove la statua è stata consegnata a braccio dai suoi portatori. Antonio Bracciante, capoparanza dei portatori del popoloso rione salernitano, ha dichiarato: «E’ stata una bellissima esperienza molto coinvolgente e ho apprezzato che alla gente è piaciuta molto. Adesso ci prepariamo dopo la benedizione di San Matteo alla processione nel nostro quartiere… molto sentita e partecipata da migliaia di persone».

«I portatori di Mariconda erano almeno una decina, quelli del Duomo erano una ventina – ha riferito Bracciante -. I portatori di Santa Maria a Mare erano almeno venticinque». A Mercatello ad attendere la statua del Santo Matteo «una marea di gente», a detta del capoparanza maricondese doc che prosegue: «Ci siamo fermati al centro di piazza Monsignor Grasso dove i portatori di San Matteo hanno consegnato ai portatori di Santa Maria a Mare la statua del Patrono. Hanno fatto il tratto da dietro sino alla chiesa dove sono stati sparati i fuochi».

Ergo, al netto delle polemiche inutili e strumentali che hanno investito monsignor Antonio Galderisi sulla pagina Facebook della parrocchia di Santa Maria a Mare, i fuochi a Mercatello ci sono stati. E li hanno pagati i parrocchiani che hanno deciso di godersi uno spettacolo meraviglioso ed onorare l’Evangelista patrono di Salerno e la Madre di Gesù, Patrona di Mercatello. E le chiacchiere se le porta il vento

E da domani il Santo Patrono arriva a Matierno

Per la Peregrinatio nei rioni, da domani a domenica 10 Settembre il simulacro di San Matteo: il Santo Evangelista sarà tra la gente di Matierno, Cappelle e Pastorano. L’effige del Santo Patrono di Salerno arriverà a Matierno in viale della Repubblica domani alle ore 19.00 e sarà ospitata nella chiesa di Nostra Signora di Lourdes dove alle 19.30 ci sarà la santa messa presieduta da don Michele Pecoraro, parroco del Duomo a cui seguirà la Lectio continua del Vangelo di Matteo.

La visita è un appuntamento da non perdere con la preghiera, la riflessione, il dialogo, il confronto. Molto ricco il calendario stilato dal parroco don Marco Raimondo, che presenta così l’evento: «È con gioia e tanta gratitudine che accogliamo in parrocchia il nostro amatissimo Patrono San Matteo e con lui, il Vangelo di Cristo che ci ha trasmesso.

Il programma è volutamente improntato al Vangelo di Matteo, Vangelo ecclesiale per eccellenza, e diventa l’occasione per ciascuno di noi per uscire da una spiritualità fatta di abitudine e priva di intimità divina e di autentica carità e per scoprire o riscoprire la presenza di Dio Amore nella nostra vita. Vi aspettiamo numerosi per condividere la gioia di essere Chiesa amata del Signore».

Ogni giorno si aprirà con le lodi e la chiesa resterà sempre aperta. Ci sarà spazio per le riflessioni con i giovani, per la catechesi con gli adulti, per la spiritualità con i gruppi di preghiera, per l’Adorazione Eucaristica, per la carità verso chi vive un momento di bisogno, per gli ammalati. Un occhio particolare alla famiglia e ai bambini con due celebrazioni eucaristiche dedicate a loro. La notte dei portatori e i tantissimi momenti per il sacramento della riconciliazione saranno il sigillo a quattro giorni di appuntamenti da vivere tutti d’un fiato.

Fonte Le Cronache oggi in edicola

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.