Salerno: laccio di nylon al collo per 15 giorni, salvata gattina a Canalone

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Un laccio di nylon al collo, così stretto da esserle penetrato nella pelle. Una vicenda che ha tenuto per oltre due settimane con il fiato sospeso alcuni volontari animalisti salernitani e, in primis, la dottoressa Flora Del Giudice del Distretto Sanitario 66 dell’Asl veterinaria di Salerno, che sin dalla prima segnalazione si è attivata personalmente con appostamenti quotidiani che sono andati ben oltre il suo orario di servizio ed i dovuti compiti istituzionali, fino al lieto epilogo di oggi.

La gatta di circa cinque mesi, nata nei pressi di un terreno privato nel quartiere Canalone, era stata notata più di 15 giorni fa dagli abitanti del posto, i quali temendo che il cappio l’avrebbe portata presto alla morte, causata dall’impossibilità di alimentarsi ancor prima dell’infezione dovuta alla grave lacerazione, hanno lanciato l’allarme alla locale Azienda sanitaria raccolto prontamente dalla dottoressa Del Giudice, che presso l’ambulatorio veterinario del Distretto Sanitario 66 si occupa della prevenzione del randagismo.

Due settimane di tentativi (durante i quali nel frattempo la mamma della gattina è stata anche presa, sterilizzata e già reimmessa) che hanno visto una felice conclusione quando, questa mattina, la piccola ormai quasi allo stremo è entrata in una gabbia-trappola costruita appositamente da alcuni volontari e trasportata lì per la cattura. Portata di corsa presso l’ambulatorio di Via Ostaglio, le è stato asportato il laccio di nylon, ripulita la ferita ed ora è in degenza post operatoria presso la stessa veterinaria che ha provveduto al suo salvataggio.

Nel raccontare la vicenda – il Comitato Pro Sterilizzazione – ricorda che la principale arma a disposizione contro il randagismo, che origina anche questi tristi episodi, è la sterilizzazione, l’unica efficace riconosciuta a livello internazionale per salvaguardare il benessere degli animali, nonché la meno onerosa in assoluto. Le colonie feline possono essere gestite da volontari (anche persone singole) che devono registrarle presso il servizio veterinario della propria Asl di appartenenza ed avere diritto così alla sterilizzazione gratuita.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Non ho molta simpatia per i gatti, però chi fa del male a queste povere bestiole è un mostro. Vergogna.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.