Baronissi: approvato regolamento per l’installazione di impianti a biomasse

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
La commissione Statuto e Regolamenti e la Commissione Urbanistica del Comune di Baronissi hanno approvato – in seduta congiunta – il regolamento per l’“Installazione di impianti di cogenerazione alimentate a biomasse legnose”. Il provvedimento dovrà adesso essere approvato in Consiglio Comunale, nella seduta del 2 ottobre prossimo. Tra le novità, il regolamento pone come distanza minima di rispetto per la costruzione di impianti a biomasse e biogas il limite di 1 km da edifici singoli (residenziali o di pubblico servizio) e di 2 km dal limite esterno del centro abitato.

Si prescrive, inoltre, che gli impianti siano alimentati totalmente da biomasse provenienti da “filiera corta”. Inoltre, il lotto minimo per l’installazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili da biomasse e biogas in zona agricola dovrà essere pari a 30 mq. per ogni Kw di potenza; per le altre zone del territorio comunale (produttive, commerciali e di servizi) il riferimento sarà l’indice di copertura della ZTO del vigente piano urbanistico. La distanza minima dell’impianto dai confini di altre proprietà, compresa la strada, non potrà essere inferiore a 700 metri.

“Colmiamo il vuoto normativo che riguarda questo settore – spiega il sindaco di Baronissi, Gianfranco Valiante – in modo che siano individuati siti non idonei ad ospitare impianti a biomasse, affinché vi sia pieno rispetto del territorio e dei suoi abitanti. Il Regolamento è un passo in avanti dell’amministrazione comunale per mettere ordine nel complicato universo delle centrali biomasse, con il principale scopo di tutelare l’ambiente, ed è frutto di un’ampia partecipazione e concertazione”.

“Vi era la necessità di individuare un percorso certo per la gestione degli impianti a biomasse legnose – fa eco il presidente della Commissione, Antonio Rocco – in tempi celeri dotiamo la città di uno strumento fondamentale, in un quadro giuridico nazionale disorganico, per  garantire un uso consapevole del territorio”. Approvata anche una norma transitoria che prevede che i progetti già agli atti del Comune, alla data di approvazione del regolamento, dovranno uniformarsi alle indicazioni previste dall’articolato. In tal caso, l’Ufficio competente provvederà alla riapertura del procedimento in autotutela, al fine di verificare la sussistenza delle condizioni di autorizzabilità.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.