Il Pescara ha già l’imprinting di Mister Zeman

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
Una vittoria roboante all’esordio (5-1 al Foggia), una sconfitta pesante la settimana successiva (4-2 a Perugia) ed un pareggio scoppiettante (da 3-0 a 3-3 col Frosinone). L’inizio del campionato di Serie B del Pescara è in perfetto stile Zeman. Il team del boemo, che ha 4 punti all’attivo, ha segnato 10 gol (miglior attacco assieme al Perugia) e ne ha incassati 8 (seconda peggior difesa assieme all’Entella, dopo il Foggia dello zemaniano Stroppa che ne ha già subiti 11).

Il 4-3-3 è ovviamente il marchio di fabbrica del team abruzzese, che cambiato pelle rispetto allo scorso anno. Alcuni elementi stanno ancora pagando i forti carichi di lavoro imposti dal boemo in estate, altri sono indietro dal punto di vista dell’apprendimento dei movimenti da eseguire (all’unisono, come un orologio svizzero), altri invece sono stati galvanizzati dal gioco propositivo del boemo (le due triplette siglate da Pettinari, non propriamente un bomber di razza, ne sono una dimostrazione lampante).

A lungo andare, se i tifosi riusciranno a mantenere la calma e se la proprietà blinderà la fiducia nei confronti dell’ex tecnico granata, questo tipo di impostazione potrebbe regalare tante soddisfazioni (oltre che divertimento). L’incognita reale è invece rappresentata dall’efficacia e dalla continuità dei risultati, anche se nella sua ultima esperienza in terra abruzzese, Zeman vinse il campionato di Serie B, con una squadra che avrebbe poi lanciato definitivamente i vari Immobile, Insigne e Verratti.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Zeman è un allenatore con le palle e non cambia mai idea ,se lo lasciano lavorare porterà un sacco di soldi nelle casse della società per questo è stato preso dall’intelligente presidente del pescara. Ma vi rendete conto che i calciatori sono tutti o quasi sconosciuti è già dopo tre giornate qualcuno già è adocchiato da altre società?

  2. invece Bollini ha comandato in sede di campagna acquisti ,senza considerare la necessità di rafforzare la difesa e facendo comprare…..grandi giocatori come Rodriguez! Ed ora accampa scuse..

  3. ma chi te lo ha detto che Bollini voleva Rodriguez? Te lo ha detto lui? Al suo modulo non serviva, visto che Bocalon era il titolare e A. Rossi il giovane di belle speranze da tenere in panchina. Caso ha voluto che con l’arrivo dell’indesiderato Rodriguez si è cominciato a parlare di attacco a due punte, cosa mai detta prima in quanto Bollini gioca con il 433 e proprietari e dirigenti lo sapevano. Forse Rodriguez lo ha chiesto il futuro allenatore d’accordo con Fabiani

  4. Forse Zeman è stato uno degli ultimi allenatori visto a Salerno ke avevano voce in capitolo in sede di campagna acquisti. Credere ke Bollini sia stato accontentato ed ascoltato dalla triade è come credere al ciuccio ke vola…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.