Stazione di Salerno: piattaforma binario 1 non a norma, la diffida del Codacons

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Molti cittadini hanno lamentato la pericolosità della salita e discesa dai treni Frecciarossa di Trenitalia al binario 1 della stazione ferroviaria di Salerno e si sono rivolti al Codacons per vedere riconosciuti i loro diritti. “Da un’attenta verifica” – afferma l’Avv. Matteo Marchetti, Vice segretario Nazionale del Codacons – “abbiamo rilevato che effettivamente la banchina della stazione ferroviaria di Salerno al binario 1 non rispetta le più elementari normative in materia di progettazione e gli standard minimi di sicurezza e che tale situazione di pericolo attenta continuamente la pubblica incolumità delle migliaia di utenti che affollano detta stazione, soprattutto nei periodi di più intensa affluenza turistica”.

Tale lampante problematica investe tutti i cittadini normodotati, costretti a veri e propri salti per poter salire e scendere dalle carrozze, rischiando di subire gravi danni. Ovviamente la mancata risoluzione del problema” – continua l’Avv. Marchetti “costituisce pericolo per la sicurezza dei pubblici trasporti  ex art. 432 c.p. oltre che per l’incolumità pubblica, senza tener conto che il decreto legislativo recante la disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del Regolamento (CE) n. 1371/2007 relativo ai diritti e agli obblighi dei passeggeri nel trasporto ferroviario stabilisce all’art.17 che le imprese ferroviarie, i gestori delle infrastrutture e i gestori delle stazioni devono adottare le misure idonee, stabilite di concerto con le autorità pubbliche, allo scopo di assicurare la sicurezza personale dei passeggeri come prescritto dall’articolo 26 di detto regolamento”.

  • Nel medesimo dispositivo si specifica che in caso di inosservanza del predetto obbligo le imprese ferroviarie, i gestori delle infrastrutture e i gestori delle stazioni sono soggetti a sanzione amministrativa, fermi restando in ogni caso i compiti e gli interventi di esclusiva responsabilità degli organi di polizia e di pubblica sicurezza, come stabiliti dalle norme vigenti.

Quindi il Codacons, attraverso l’Avv. Marchetti, ha diffidato il Comune, il Prefetto e Trenitalia perchè

  • venga eliminata tale situazione di pericolo, nell’immediato ponendovi rimedio con pedane mobili e successivamente di predisporre un piano di adeguamento della banchina ferroviaria del binario 1 alla normativa vigente;
  • venga emanata Ordinanza urgente del Sindaco quale ufficiale del Governo (o dal sig. Prefetto in caso d’inerzia del sindaco) ai sensi dell’art. 54 del D. Lgs. n. 267/2000 (come modificato dal D.L. n. 92/2008, convertito dalla legge n. 125/2008, e dal D.L. n. 14/2017, convertito dalla legge n. 48/2017) al fine di inibire l’utilizzo di detto binario per prevenire ed eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità dei cittadini.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.