Mobbing: Quando il datore di lavoro deve risarcire il danno psico-fisico del dipendente

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Una significativa ordinanza pubblicata dalla Corte di Cassazione in data odierna fa il punto su uno dei fenomeni più odiosi e che per lo “Sportello dei Diritti” costituisce una delle principali battaglie in materia di tutela di diritti da combattere negli ambienti di lavoro e nelle aule giudiziarie. Una decisione che, quindi, detta le linee guida da seguire per la dimostrazione del mobbing in sede giurisdizionale.

Per la Suprema Corte con l’ordinanza n. 21328, il mobbing richiede: a) una serie di comportamenti di carattere persecutorio illeciti o anche leciti se considerati singolarmente – che, con intento vessatorio, siano posti in essere contro la vittima in modo miratamente sistematico e prolungato nel tempo, direttamente da parte del datore di lavoro o di un suo preposto o anche da parte di altri dipendenti, sottoposti al potere direttivo dei primi; b) l’evento lesivo della salute, della personalità o della dignità del dipendente; c) il nesso eziologico tra le descritte condotte e il pregiudizio subito dalla vittima nella propria integrità psico-fisica e/o nella propria dignità; d) l’elemento soggettivo, cioè l’intento persecutorio unificante di tutti  comportamenti lesivi (Cass. n. 2147/2017, n. 2142/2017; n. 24029/2016; n. 17698/2014). Il caso sottoposto all’esame della Corte da parte di un dirigente medico che prestava servizio presso la ASL di Lecce, non ha infatti visto accolta la domanda risarcitoria nei tre gradi di giudizio, perché non ha allegato nulla in merito all’intento persecutorio, ossia all’elemento soggettivo unificante la pluralità dei comportamenti lesivi. Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, si tratta di un precedente che seppur nella sua sintetica motivazione, ricorda quanto sia difficile la prova del mobbing e delle relative condotte, ma chiarisce anche che è un fenomeno che esiste e che può essere combattuto efficacemente con il ricorso allo strumento giudiziario.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.