Tumori: 5 più diffusi, occhio a quelli dati da virus

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Sono cinque i tipi di tumore maggiormente diffusi in Italia: alla mammella, colon, polmone, prostata e vescica. Ma gli oncologi richiamano l’attenzione anche sulle neoplasie causate da infezioni e virus, a partire dal papillomavirus umano (Hpv): nel complesso, infatti, quasi 4.400 casi di tumore in Italia nel 2017 sono riconducibili all’Hpv, pari all’1% del totale dei nuovi casi stimati.

– I 5 PIU’ DIFFUSI:

COLON: i fattori di rischio sono stili di vita, lesioni precancerose, ereditarietà e altre patologie. Sono stimate circa 53.000 nuove diagnosi di tumore del colon-retto nel 2017. La sopravvivenza a 5 anni in Italia è pari al 65%.

MAMMELLA: fattori di rischio sono età, fattori ormonali e metabilici, familiarità. Si stima che nel 2017 verranno diagnosticati fra le italiane circa 50.500 nuovi casi. La sopravvivenza a 5 anni delle donne con tumore della mammella in Italia è pari all’87%.

POLMONE: fattori di rischio sono il fumo di sigaretta, esposizioni professionali a sostanze tossiche e fattori ambientali. Nel 2017 sono attese in Italia oltre 41.800 nuove diagnosi di tumore del polmone. La sopravvivenza a 5 anni dei pazienti con tumore del polmone in Italia è pari al 15,8%.

PROSTATA: fattori di rischio sono obesità, familiarità, livelli elevati di androgeni. Per il 2017 sono attesi circa 34.800 nuovi casi. La sopravvivenza a 5 anni è del 91,4%.

VESCICA: fattori di rischio sono il fumo ed esposizioni lavorative. Nel 2017 sono attesi 27.000 nuovi casi. La sopravvivenza a 5 anni è del 79%.

TUMORI E VIRUS: nel mondo il ruolo delle infezioni croniche è considerato responsabile del 16% di tutte le neoplasie, afferma la presidente eletta dell’Associazione italiana di oncologia medica, Stefania Gori: “Per l’Italia questa stima è pari all’8,5%. Nel nostro Paese è stato calcolato che, tra i tumori dovuti ad agenti infettivi, l’Helicobacter pylori è causa del 42%, il virus dell’epatite B e C del 35%, il virus del papilloma umano (HPV) del 20%. Nel complesso quasi 4.400 casi ogni anno sono riconducibili all’HPV, ma oggi è disponibile un’arma fondamentale per combatterlo, la vaccinazione”. In Italia, ricorda, “è offerta gratuitamente alle dodicenni in ogni Regione dal 2007-2008. Inoltre, tra le vaccinazioni previste nei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza e nel Piano nazionale Vaccini 2017-2019, ora vi è anche quella contro l’HPV nei maschi undicenni”.

(ANSA).

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.