Scuola: 1 disabile ogni 33 alunni,100 mila posti di sostegno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Nel 2000 nelle scuole statali vi era un ragazzo disabile ogni 60 alunni, dieci anni fa uno ogni 44.

Quest’anno, secondo i dati del Focus sulle anticipazioni del sistema scolastico statale, risulta che attualmente nella scuola statale italiana vi è in media un ragazzo con disabilità ogni 33 alunni.

A riportarlo è Tuttoscuola, che evidenzia come possa capitare che vi siano regioni con una incidenza dei disabili molto marcata (Abruzzo un disabile ogni 27,4 alunni, Sicilia uno ogni 29,4, Liguria 29,7, Sardegna 30,1, Lazio 30,6) rispetto ad altre con incidenza minore (Basilicata un disabile ogni 42,9 alunni, Friuli VG 41,4 e Calabria 37,8), senza una precisa caratterizzazione territoriale.

Complessivamente l’incidenza minore si registra nel Nord Est (un disabile ogni 35,6 alunni) seguito dal Sud (un disabile ogni 34,3 alunni). Sul versante non ci sono particolari caratterizzazioni territoriali, non c’è un nord o un sud. Quando, però, a quella situazione ‘fisiologica’ subentra l’azione dell’Amministrazione scolastica mediante l’assegnazione dei posti di sostegno – osserva Tuttoscuola – il quadro cambia completamente.

Il rapporto medio previsto dalla legge di due disabili per ogni docente di sostegno (2,0) è sceso in questi ultimi anni drasticamente, attestandosi attualmente a 1,69. Ma, nonostante la legge preveda una certa omogeneità tra i territori, questo rapporto disabili/sostegno è diventato – secondo Tuttoscuola – unilateralmente squilibrato, a causa di una graduale assegnazione dei posti di sostegno in modo non proporzionale.

In questo modo, ad esempio, mentre in Liguria – rispetto al rapporto medio nazionale di 1,69 – il rapporto alunni disabili/posti di sostegno è di 2,61, in Friuli di 2,41 e in Lombardia di 2,22, invece in Calabria il rapporto è sceso a 1,27, in Sardegna di 1,29 e in Molise di 1,35: meno posti di sostegno nelle prime, più posti di sostegno nelle altre.

Ovviamente i rapporti più bassi favoriscono un’azione di sostegno più efficace. Le regioni settentrionali nel loro insieme raggiungono l’1,97, mentre quelle meridionali conseguono un rapporto complessivo di 1,51.

La virtuale compensazione per il riequilibrio comporterebbe lo spostamento verso il Nord di oltre 7.850 posti di sostegno. Riguardo all’organico di diritto dei posti di sostegno, è arrivato quest’anno, per la prima volta, ad oltre 100 mila unità (100.080): 3.600 più del 2016-17, ma un po’ meno dei 5 mila attesi per la stabilizzazione di organico prevista dalla Legge di stabilità 2017.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.