Giustizia lumaca a Salerno, meccanico aspetta ancora sentenza dal 1998

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Un meccanico di Salerno da anni attende il pronunciamento dei magistrati sul contenzioso iniziato con il Comune, dopo che nel 1980, a seguito del terremoto, aveva spostato la propria attività in alcuni locali di proprietà dell’Ente in via Paradiso di Pastena. Il suo drammatico appello è stato raccolto da Gigi Vicinanza, sindacalista della Cisal provinciale.

Il Comune di Salerno, in seguito al terremoto del 1980, ha dato in via temporanea quei locali al signor Salzano. Nella zona orientale, in via Paradiso di Pastena, l’attività di riparazione di auto di grossa cilindrata del signor Salzano si è sviluppata. Nel corso degli anni, il proprietario dell’officina ha anche provato ad acquistare i locali, ma nel 1998 è iniziato un contenzioso legale che deve ancora vedere la parola fine.

Una questione su Vicinanza ora chiede chiarezza. “Qualcuno che conta e che può fare qualcosa senta il grido di dolore e di disperazione del signor Salzano e gli dia una risposta”, ha spiegato il sindacalista della Cisal. “Questa è una vicenda che si trascina dal 1980. Da allora sono passati 37 anni e i magistrati di Salerno non hanno ancora deciso nulla. Oggi il signor Salzano ha 80 anni e non può più lavorare. Questa causa gli ha rovinato la vita e ora chiede i danni al Comune. Si tratta di una vergogna inaudita”.

“A farmi paura è anche l’assordante silenzio delle istituzioni che, incuranti della sofferenza di chi non chiedeva altro che di poter svolgere la propria attività lavorativa per vivere dignitosamente, fanno scivolare via il tempo senza prendere una decisione e senza preoccuparsi minimamente del tormento di questo artigiano che aspetta giustizia e, nonostante tutto, ha ancora fiducia in essa”.

“Mi appello ai vertici del Tribunale di Salerno – conclude la nota della Cisal – affinché il signor Salzano riceva risposte definite su questo contenzioso, su cui la politica si è dimostrata indifferente, visto la causa intenta nell’ormai lontano 1998 dall’allora sindaco De Luca. Penso che i tempi adesso siano maturi per una sentenza definitiva sulla vicenda”.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.