Concorsi truccati: arrestati sette docenti universitari

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Anche l’ex ministro Augusto Fantozzi tra gli indagati nell’ inchiesta di Firenze su concorsi truccati che oggi ha portato all’ arresto di sette professori universitari. Altri 22 sono
stati colpiti dalla misura dell’interdizione dalle funzioni di professore e da quelle connesse ad ogni altro incarico accademico per 12 mesi.

L’inchiesta partita dalla denuncia di un ricercatore fiorentino, cui sarebbe stato proposto di ritirare domanda al concorso per fare posto a un altro candidato. Il legale di Fantozzi: ‘Del tutto estraneo ai fatti, era già in pensione ed ha avuto sempre una carriera limpida’. La ministra dell’Istruzione Fedeli: ‘voglio andare fino in fondo, entro ottobre un codice di comportamento per l’università con Anac’.

“In attesa che i Magistrati facciano il loro lavoro, i rettori dovrebbero avviare inchieste interne approfondite e sospendere tutte le persone coinvolte nelle inchieste di questi giorni oltre ad annullare le prove di ammissione per riproporle poi con più accurati sistemi di sicurezza, a garanzia dell’imparzialità”.
A chiederlo il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, componente della Commissione Università e fondatore de La Confederazione, la più importante associazione studentesca del Mezzogiorno, il leader nazionale dei Giovani Verdi, Marco Gaudini, e il portavoce dei Giovani Verdi di Napoli, Gabriele Capobianco, per i quali “le inchieste sui test di ammissione a Medicina e quella che ha portato all’arresto di diversi docenti universitari, tra cui due titolari di cattedre in atenei napoletani, confermano l’esistenza di un sistema di illegalità diffuso che va scardinato”.
“Tra l’altro, stanno arrivando diverse denunce e segnalazioni e una, in particolare, merita approfondimenti e riguarda l’Università di Salerno” hanno aggiunto precisando che “in una foto, inviata da uno studente, si vede un commissario d’esame che porta via gli elaborati dei test senza sigillarli come prevede la legge e, se fosse confermato che, in quella scatola, c’erano davvero gli elaborati degli aspiranti matricole di medicina, bisognerebbe invalidare le prove”.
“Quel che colpisce in queste vicende è il pessimo inizio per chi si candida a diventare medico o docente universitario” hanno concluso chiedendosi “che etica potrà avere nel lavoro un medico o un docente universitario che riuscirà a ricoprire quel ruolo solo grazie a un imbroglio che gli ha permesso di superare le prove di ammissione o il concorso a cattedra?”
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.